piuttosto di suicidarmi m’ammazzo

Incontro un Ragazzo Che Non Vedevo Da 10 Anni, d’ora in poi R.C.N.V.D.10A.RCNVD10A: Leggo sempre il tuo blog…

Io: Ah, mi fa piacere.

RCNVD10A: Ma è terribile!

Io: Ah, mi dispiace.

RCNVD10A: Un’angoscia…

Io: …ah, ma allora smetti di leggerlo!

RCNVD10A: No, non ti offendere, mi piace. E’ bello, ma terribile, tristissimo. E’ tipo come quando c’è un incindente e tu non riesci a smettere di guardare le vittime spappolate sulla strada. Cioè un orrore unico, ma ipnotico.

Io: Ah, Cristo…

RCNVD10A: No, ma mi piace. E’ tipo un film di Sofia Coppola. Non Lost in translation. Più il Giardino delle vergini suicide. Ecco. Non è che ti vuoi suicidare eh?

 

Tutto questo mi fa venire in mente Jan Potocki. Scienziato polacco del 700, astronomo, fisico, chimico, cartografo. Un genio. Un giorno Potocki scrive questo romanzo strepitoso “Manoscritto trovato a Saragoza”, strepitoso ma incompiuto. Sì, perché il nostro Jan, mentre scrive il libro, passa il tempo a limare e a lucidare la pallottolina della sua teiera d’argento. Una volta della dimensione giusta, la ficca nella canna della sua pistola e se la pianta in zucca, mettendo fine ai suoi giorni nel nostro mondo.
Ora vorrei tranquillizzare il RCNVD10A: a me il tè fa schifo, mi piace il caffè. E per quanto tu la limi e la lucidi, una capsula Nespresso non ci entrerà mai nella mia testona.
Advertisements
Standard

3 thoughts on “piuttosto di suicidarmi m’ammazzo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s