ti scatterò una foto

Se dovessi ricostruire la time line della mia vita sentimentale riconoscerei i periodi di astinenza emotiva dalla totale mancanza di foto. A quanto pare l’occhio dell’amore più è cieco più chiama l’obiettivo. Inoltre, dalla tipologia della foto potrei risalire al grado di intensità della relazione, nel momento in cui è stata scattata.

Innamoramento: tutto quello che faccio lo ispira. Lui mi fotografa mentre faccio finta di dormire, composta come la Madonna con bambino. Lui mi fotografa mentre guardo l’orizzonte e io faccio finta di non accorgermene, il volto disteso, lo sguardo perso ma intenso, sognante. Lui mi fotografa seminuda uscita dalla doccia e io faccio finta di essere sorpresa, ma c’ho messo mezz’ora a sistemare l’asciugamano a mo’ odalisca conturbante con turbante.

Relazione consolidata: tutto quello che faccio lo diverte. Lui mi fotografa mentre dormo come un facocero, la bocca aperta e un rivolo di bava a macchiare il cuscino. Lui mi fotografa mentre guardo l’orizzonte e limono un cammello. Lui mi fotografa seminuda, in bagno, mentre mi rado le gambe rigorosamente nel lavandino (https://tiasmo.wordpress.com/2013/09/03/lamore-e-una-cattiva-abitudine/).

 

Relazione agli sgoccioli: tutto quello che faccio lo ignora. Lui mi fotografa come fossi un gatto di marmo. Il gatto di marmo fa il bagno in mare, il gatto di marmo passeggia per Torino, il gatto di marmo fa festa, il gatto di marmo davanti agli Uffizi.

 

Relazione finita: lei compra l’Iphone, scopre l’autoscatto e l’effetto Lomo. Lomo dei sogni.

 

Immagine

qui: gatto di marmo con prole.

Advertisements
Standard

13 thoughts on “ti scatterò una foto

  1. Ciao. Conosci il significato di quella mano sinistra (due /tre) alzata del Maneki Neko?
    Io ne ho sempre presi diversi in Giappone, per poi cedere alla versione Cinese (se lo sapessero i miei amati Giapponesi) con batteria inclusa e mano (sx ovvio) che si muove a pendolo in continuazione. Quando finiva la batteria era un dramma.
    Ora li ho lasciati a casa della Ex insieme a tutto il mobilio.
    Ognuno ha i suoi modi per gestire il distacco no?

    • non conosco il significato, ma visto che sono in tutti i negozi e ristoranti immagino sia legato al concetto di benvenuto… so solo che nella mia cerchia di amici fare il gatto di marmo significa rimanere impassibili e con la faccia da minchioni. esattamente come quando vieni lasciato…

      • Ah questa non la sapevo!
        No il gatto deve essere rivolto verso l’entrata di un negozio o una casa, che guardi i clienti.
        La mano richiama il denaro.
        In Giappone OGNI negozio o ristorante lo ha. Poi lo hanno preso i cinesi.
        E io.
        Ma devo avere preso esemplari difettosi….
        Ps. Non mi ricordo la mano destra cosa richiami.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s