4 cose che alle donne non piacciono a letto.

Hey ho! Hey ho! andiamo a lavorar! Noi donne abbiamo visto Wolverine e apprezziamo l’impegno e le mani da boscaiolo, ma scavare un solco nella pelle e uscire dall’altra parte non è piacevole. Una volta per tutte: non siamo l’armadio delle Cronache di Narnia! (grazie a http://www.tuttigliuominidilola.it per il suggerimento).
 

Lo speleologo svampito. Gli uomini (molti non tutti) sono fissati con il sesso anale. E’ un dato di fatto. Ad alcune piace, ad altre non piace, altre se lo fanno piacere per piacere di più, sono gusti. Quello che proprio non va giù a nessuna è l’uomo che cerca di aprirsi un varco nelle retrovie, con nonchalance. Quello che, di fronte a un cenno indispettito, ti guarda con occhi smarriti come se non avesse la parola “culo” scolpita in fronte. Si è perso poverino… Noi abbiamo sempre pensato ci fosse una porta A e una porta B, ed invece là sotto è il corridoio di Shining.

Io consiglio sempre di chiedere. Vi potrebbe capitare come a un mio caro amico che durante un incontro bollente con un’amante occasionale, un po’ intimidito domandò con gran garbo “scusa, ti posso prendere da tergo?” (io voglio pensare che le disse così). E lei, impassibile, e già a carponi rispose in romanesco: “Manna, manna!”. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia.

Hello spanking ovvero la sculacciata maliziosa. A me fa proprio ridere un casino. Tu sei lì a chiappe all’aria e lui ti dà dei piccoli buffetti, come se picchiettasse un melone per vedere se è maturo. Credetemi: o lo sapete fare o non vi azzardate su terreni sconosciuti, è più erotica una pacca sulla spalla. Spank lasciatelo ad Aika.

Il gioca juer hot. La tiritera è sempre la stessa: “One, two, three,four,five, six, seven, eight! Missionario, pa paparapa pappa parapa pà – smorzacandela Pappaparapa – Doggy style pappaparapa… e via così…” un bignami musicato del kamasutra. Ecco, a noi donne non piace proprio passare da una posizione all’altra a ritmi vertiginosi solo perché voi dovete dimostrare di conoscerle tutte. Lo sappiamo che avete studiato, ma la trombata alla Claudio Cecchetto proprio non va.

In cambio, uomini, noi donne vi promettiamo di occuparci della vostra parte più preziosa con dedizione e perizia. Abbiamo imparato la lezione: niente impeto per fare una tequila bum bum e nemmeno la grazia per togliere la polvere dagli angioletti della Thun. Insomma ci siamo capiti. Arrivederci a (spero) presto.
Immagine

Hey ho! Hey ho! andiamo a lavorar!

Con pale e con picconi noi ogni dì veniamo qua
è il tipo di lavoro che ci dà felicità
ed è perchè qui sotto c’è
i diamanti e d’or una grande quantità
e così, e così, e così, e così…
ci trovate sempre qui!”

Standard

53 thoughts on “4 cose che alle donne non piacciono a letto.

  1. ho finito di leggerlo e sto ancora ridendo da 5mn a ripensarci 😄

    applausi, veramente.

    Temo che ogni maschio sia cascato almeno una volta in un errore

    non io, eh, miei amici che mi raccontano, io sono un semplice gatto

  2. I fans della ribaltata: quelli che credono che tu sia una contorsionista e ti tirano su le gambe finché le ginocchia non ti toccano le spalle: comporta seduta di stretching preventiva. E poi in quella posizione là loro si sentono molto masculi a dare giù tipo martello pneumatico, ma a chi sta sotto, non potendo partecipare attivamente alla performance, viene naturale controllare se l’intonaco del soffitto sta venendo giù o se la muffa sta creando macchie di Rorschach.

    Intervistati, tutti risponderanno: alle altre piaceva MOLTISSIMO.

  3. EmmeStyle says:

    Neolettrice del tuo blog rea confessa: amo gli uomini, ma sono pazza di te. Veramente fai sganasciare dalle risate. Una fan.

  4. sono sveglia già da un’ora, maledetta pipì compulsiva, e ad un certo punto ho pensato CHISSÀ SE HA GIÀ POSTATO QUALCOSA DI NUOVO? Ecco adesso il cane mi guarda stranito perché non riesco a smettere di ridere! Con Lo speleologo ti sei superata!

  5. Mi sono capitati tutti, questi generi qua (il che la dice lunga sul mio periodo di sperimentazioni), il Claudio Cecchetto è il mio preferito: l’ho ribattezzato “l’acrobata olimpionico”, aggiungici pure uno specchio in cui si rimirava e avrai capito il tipo.
    A un certo punto mi sono trovata una mia gamba dietro la testa e mi ha apostrofata “origami!”, se non altro era ironico!

    Ti voglio bene, quel manna manna mi resterà impresso per sempre :*

  6. m’avete fatta ridere un sacco, tutti quanti.
    Grazie!
    anche perché la giornata che mi aspetta è di quelle “paura e delirio”: pupa treenne a casa con vomito e pupo di un anno e mezzo annoiato, molesto e geloso…aiuto…
    il premio grasse risate lo do anch’io alla “manna manna”!

  7. Meriti una standing ovation! Sto ridendo come uno scemo (e giuro che è una brutta cosa quando sei in ufficio). Ci sono delle perle di un certo spessore.

    Un mio amico, lo stesso che si è risvegliato sul bordo di un fosso a Rio senza un rene, mi ha detto un verità: in diverse occasioni a sculacciata forte, mano aperta, *sciock* sonoro, corrisponde una forza uguale e contraria sulla guancia di colui che sculaccia.

  8. poison says:

    La sculacciata maliziosa è eccitante quanto un documentario sulla lettura dei fondi di caffè, ma – appunto – alle altre piaceva tantissimo… E sul gioca jouer hot ho tanto riso.
    Che ti adoro non te lo dico più, tu leggilo sempre tra le righe.

  9. E il Solipsista acrobatico ?
    Quello che inizia bene (e lì ti frega, così gliela dai) e una volta che ce l’ha è come se tu che ci sei attaccata non esistessi più. Ti prende e di gira in 6 posizioni all’ora, che nemmeno la barbie. Che tu non fai nemmeno in tempo a gridare “crampo ore 6, crampo ore 6”. Fa tutto lui, se la canta e se la ride. Fa e disfa.Trallallà.
    Alla fine, ti snoda, si abbatte come una balena spiaggiata sul letto, si addormenta, e 2 ore dopo, al risveglio, ti chiede en passant “ma è una mia impressione o tu….non sei venuta?”

  10. Anche questo post è stato girato al mio illustre moroso, quello che è capace di lasciarti 5 piccoli lividi a forma di polpastrello sul culo sostenendo fosse una carezza, quello che la sculacciata sulla chiappa non è figa se non lascia il segno rosso da fotografare e implorare di poter mandare agli amici (…) Quello che: se non dura almeno un’ora con cambio di almeno 4/5 posizioni è solo una sveltina. Ma non mi lamento eh… so che c’è di peggio!

  11. Verdemala says:

    …sguardo smarrito? Ti è già andata bene che non cominciato a parlare con tony e si è rimesso sul triciclo a fare un giro! Bravissima.

  12. E certo! Perché loro ci hanno il mito della Ferrari, veloce e potente. Poi però te la lasciano come l’asfalto della pista di Indianapolis a fine gara. E alla fine ti chiedono pure: sei venuta?

  13. Ahahahahahah, sei geniale.
    Se posso, aggiungerei alla lista:
    “quello che ti dice frasi zozze senza accorgersi che non è il caso”. Spesso, dentro di me, ho riso di gusto. Perché non c’è quella confidenza della relazione duratura, magari è la seconda volta che ci vai a letto, senza per altro conoscerlo troppo, e questo mentre si cimenta in un abilissimo “hey! ho! andiamo a lavorar!” ti si avvicina all’orecchio dicendo: “ti piace eh?”, e tu, sbattendo ripetutamente la testa contro la testiera del letto, rischio rottura osso del collo, non puoi far altro che sibilare: “ehm…sì”.

  14. Ti avevo promesso la risposta. Eccola.
    Inizio con un aneddoto. Una volta un mio amico fraterno si trovò innanzi una dolce pulzella la quale , vicina al suo membro sgranó gli occhi e chiese : ” velocità o pressione????”
    Questo per dire che i quiz e le domande spesso uccidono il romanzo. Specie se la protagonista é … una donna. Infatti le probabilità di sbagliare la domanda, oltre che la risposta, sono sempre le stesse: 100%.
    All’uomo alla fine basterebbe, nella sua infinita superficialità scritta il linguaggio BASIC ” if, then, goto,” un po’ di coerenza. Di prevedibilità nella sequenza azione -reazione. Una chimera … lo so.

    Se chiediamo la backdoor vi incazzate perché certe cose si fanno e non si chiedono, se ci avventuriamo vi incazzate perché certe cose si chiedono e non si fanno.
    Un po’ di pietà !!!!!!! Siamo esseri terra terra, abituati alla clava , alla birra e sky il mercoledì sera.
    Quindi a noi basterebbe una cosa sola.
    Vuoi trombare? Dillo no??????? Cosa metti il fazzoletto giallo sulla maniglia per farmi capire che … forse … stasera si perché Saturno é entrato nel cono di Venere dopo 640.000 anni.
    Non vuoi trombare? Dillo no????????? Cosa ti inventi il mal di testa, il ciclo, il triciclo e i bambini che hanno preso una nota a scuola tre settimane fa?

    Poi anche noi vi giuriamo che vi porteremo a letto tutte le mattine il cappuccino con la schiuma, fischiettando e canticchiando.
    Ci vuole così poco per abbindolarci….
    If, then, goto.

    PS.
    Menomale che siete talmente complicate da non esservene ancora accorte …

  15. Aluccia says:

    Una carezza in un pugno (leggi anche cunnilingus con barba incolta), l’invasione degli ultracorpi (lingua nell’orecchio), la salama da sugo (bondage), Radio Dimensione Suono (parla, parla, parla… cazzo dovrà dire tutte le volte???), Post orgasmic chill (viene-sviene-russa)… devo continuare?

      • Aluccia says:

        Radio Ga Ga (cercare di sintonizzarsi su delle frequenze aliene utilizzando i nostri capezzoli come manopole di una radio a transistor); quelli che “…é stato bello, ma lo sai che non ci vedremo più, vero? Non vorrei che ti affezionassi” (ti ho chiesto per caso come ti chiami?!?); il Metronomo (ore e ore a far l’amore io e te…sempre allo stesso ritmo. Dentro-fuori/dentro-fuori and so on!); i Social Network (“c’hai un’amica?”).
        Insomma… sembra proprio che non mi piaccia un c***o! 😉

  16. capo…noi ce ne siamo accorte.
    solo ke non ci arrendiamo all idea ke Iddio abbia preso sta toppa nella programmazione! 🙂

    tiasmo annovererei pure il “PENOSO alla catena di MONTAGGIO”. Quello convinto ke il ritmo sia tutto. Incalzante e sempre uguale devi prenderlo a skiaffi xke si riabbia dal suo proponimento di accenderti un fuocherello nelle parti intime col metodo delle giovani marmotte.

  17. val says:

    …e quelli che pensano che il tuo clitoride sia il joystick della playstation durante una partita di fifa 14? O quelli che Osteria numero 1000 non rallentano neanche quando velocità e attrito fanno uscire il fumo dalla ‘bigioia’?
    Ecco,ci vorrebbe un bel post ‘gioia e bigioia” sul segreto della felicità laggiù al gate A! Ciauuuuuuuuuu

  18. Aspetta, aspetta… Il gioca jouer non mi era ancora venuto in mente, ma non è che puoi darmi qualche dritta su come voi fanciulle recepite lo spalma spalma?
    Meglio panna o nutella? Miele o maionese? Burro di arachidi o tabasco?
    E, soprattutto, dopo è concesso fare la scarpetta?

  19. Sara says:

    Post e commenti da applausi. Mi avete illuminato la giornata, grazie 😀
    aggiungo i miei due cents. Il tipo che un attimo prima di dare il via alle danze, mi ha detto “Ora arriva l’anaconda”. Sono scoppiata a ridere e non ho smesso per 20 minuti. Ovviamente non se ne è fatto nulla… però gli ho detto che poteva restare a dormire! Ancora rido quando ci penso….

  20. Pingback: Il meglio della settimana #ottobre 5 | Parola di Laura

  21. Pingback: Il Sesso, i Gladiatori e le donne Multicolor « noisuXeroi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s