Il segreto della buonanotte

– Amore cosa hai fatto oggi?

– E’ un segleto.

– Lorenzo, con sta storia dei segreti non mi racconti mai un tubo. Dai cerca di dirmi cosa hai fatto alla materna?

– E’ un segletoo!

– Allora ti racconto il mio di segreto, ti dico che oggi sono andata in ufficio, ho lavorato, ho anche incontrato un’amica a pranzo. E poi sono tornata in bicicletta. E tu, cosa hai fatto oggi?

– E’ un segletooo!

– Ma figurati! Pensa che io sono anche riuscita a fare un po’ di spesa, scrivere di te e di tua sorella, cercare su internet dei bei libri da comprarvi. Ora tocca a te però, cosa hai fatto oggi?

– E’ un segletoooo!

– Ma io li so tenere benissimo i segreti, fidati di me. Io mi fido di te, infatti ti racconto che oggi mi sono anche arrabbiata con una signora per strada che mi stava per investire, ho detto una parolaccia.

– Una palolaccia? E quale?

– E’ un segretoooooooooo!

– Dai mamma dimmelo…

– Ok, te lo dico se poi mi dici cosa hai fatto oggi.

– Va bene.

– Le ho detto stronza.

– Ahahahahh. Stlonza, stlonza, stlonza, stlonza!

– Zitto che Marta dorme! Ora tocca a te, dimmi il tuo segreto. Cosa hai fatto tutto il giorno oggi?

– Ti ho aspettata.

Immagine

Standard

51 thoughts on “Il segreto della buonanotte

  1. DANIELE says:

    Così, però, l’istinto paterno inizia a diventare prepotente.
    Enrica, sei magica..
    Una carezza a quel patatrottolo di Lorenzo!

  2. cri says:

    ….questo tuo passare dal ridere al commuovere, dal sacro al profano rappresenta davvero la tua marcia in più…a tratti destabilizzante ma mi piace!

  3. LadyKaiura says:

    Ola tu mi dici che dloga dai a Lolenzo. Perché essere così al naturale, polca miselia, è da QI 9000. Che tipo al Mensa (o alla mensa) escono di testa.

  4. Guglielmo says:

    Fantastico, assolutamente un post fantastico.
    Perchè oltre ad essere ironico e divertente mostra una cosa incredibile che spesso non percepiamo pienamente e intuiamo solamente: che mentre la vita di un adulto può essere piena di mille piccole cose, quella di un bambino, soprattutto così piccolo spesso ne ha dentro solo poche, ma immensamente grandi.

  5. Guglielmo says:

    Fantastico, assolutamente un post fantastico.
    Perchè oltre ad essere ironico e divertente mostra una cosa incredibile che spesso non percepiamo pienamente e intuiamo solamente: che mentre la vita di un adulto può essere piena di mille piccole cose, quella di un bambino, soprattutto così piccolo, spesso ne ha dentro solo poche, ma immensamente grandi.

  6. melaverde says:

    L’amore dei bambini per noi è incondizionato. Siamo davvero il loro mondo. Qualche volta questa responsabilità mi schiaccia perché so di aver già deluso quell’amore insieme all’altro deemente che li ha generati insieme a me. Che palle.

  7. serena says:

    so che vuol dire, ho due figli maschi.. il rischio è che invadano tutta la nostra affettività, e che per un nuovo amore ci sia poco posto..

  8. Eufemia says:

    Anch’io non ti mollo più… poi con questa ultima uscita del tuo impagabile Lorenza mi hai proprio dato il colpo di grazia…. 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s