la felicità non c’entra col cuore.

Marta dorme nell’altra camera. Lorenzo mi chiede se mi infilo nel suo lettino e gli racconto qualcosa, non vuole proprio prender sonno. Alla fine cede:

– Io dolmo ma non sogno ok?

– Ok.

– Pelò plima giochiamo.

Allora facciamo il gioco delle emozioni, che consiste nel chiederci da quali parti del corpo vengano i sentimenti.

– Dove senti quando sei arrabbiato?

E lui mi fa vedere la gola e ha senso, la rabbia ti strozza, ti soffoca, ti impedisce di parlare.

– Dove senti quando ti manco?

E lui mi fa vedere le braccia e ha senso, la mancanza è un abbraccio vuoto.

– Dove senti il nervoso?

E lui mi fa vedere i piedi e ha senso, quando un bambino è nervoso, fa i capricci batte i piedi.

– Dove senti la paura?

E lui mi fa vedere i capelli e ha senso, la paura fa venire i capelli dritti.

– Dove senti l’amore?

E lui mi fa vedere le gambe e ha senso, perché l’amore piega le ginocchia.

– Dove senti la felicità?

E lui ci pensa un po’ e poi mi fa vedere la pancia. E il motivo me lo spiega lui:

– Pelché Malta prima stava nella pancia.

E questo ha davvero senso.

Immagine

Standard

55 thoughts on “la felicità non c’entra col cuore.

  1. Pingback: la felicità non c’entra col cuore. (Disegni per Tiasmo) | Burabacio

    • mi è venuto in mente perché Lorenzo mi dice “ti voglio bene” a mo’ di pappagallo, ma alla domanda “cosa vuol dire?” mi ha risposto: “non lo so plopio”. E allora abbiamo cominciato questa cosa delle emozioni, dove le sente, cosa sono… è un po’ stucchevole, ma sempre meglio dell’ottantacinquesima visione di Cars

  2. d.p. says:

    molto bello il post, come sempre…. ma devo smettere di leggere sul tuo blog … sto diventando un “tenelone” …e questo mi spaventa

  3. Pingback: la felicità non c’entra col cuore. | Un blog di M

  4. bellissimo gioco, bellissime risposte! anche io gioco con i miei bimbi di passare dal concreto all’astratto e viceversa..e le risposte che danno fanno crescere anche noi! Complimenti ancora!!!

  5. Luca says:

    Boh ogni tanto quando leggo le cose su tuo filgio Lorenzo rimango sempre estasiato e spero sempre che le mie figlie quando cresceranno un po’ gli assomigliano, anche se adesso mi danno l’idea che potranno solo trasformarsi in teppiste.

  6. I bambini capiscono tutto, molto più degli adulti. Riescono a cogliere l’essenza di ciò che li circonda con una semplicità disarmante e naturale, che purtroppo crescendo si perde nel brutto vizio di complicare ogni cosa. Dovremmo impegnarci tutti un pochino di più a restare un po’ bambini dentro. Complimenti per il giochino, davvero intelligente e dolce 🙂

  7. strichnina says:

    oddio che colpo bassissimo, in ufficio si chiederanno perché ho la faccia di una che sta per piangere come un vitello.
    meravigliosi ❤

  8. principessadellospaziobitorzolo says:

    Da quando ho letto ciò che ti ha detto il tuo “Lolenzo” non riesco a togliermi il sorriso dalla bocca. Il mio orologio biologico a 24 anni ha iniziato a ticchettare come quello nella pancia del coccodrillo di Capitan Uncino e leggere di come dev’essere stupendo essere mamma e sentirsi dire queste cose lo sta caricando ancora di più questo orologio. Sei una donna fortunata. Per Lolenzo la felicità è Malta. E questo è qualcosa di veramente prezioso!

  9. Ari says:

    Con questo tuo post ricomincio questa settimana..pensando che questo gioco ematico di mamma è profondo e saggio. Nessuno dovrebbe mai smettere di chiedersi l’anatomia delle emozioni, staremmo tutti meglio! Il tuo cucciolo d’uomo è meraviglioso….

  10. Chiara says:

    Lorenzo è un piccolo mito, ma ha anche una “trainer” fuoriserie. Questa educazione sentimentale è un regalo all’umanità…. Spargi il verbo, Tesio!

  11. Pingback: la felicità non c’entra col cuore. | burabacio

  12. mammanews says:

    ieri questo post mi ha commossa perchè aspetto un bimbo e il mio primogenito di sei anni è entusiasta e non vede l’ora che il fratellino arrivi. Oggi abbiamo fatto questo gioco. La sua risposta alla felicità è stata indicare la mia pancia… sono rimasta balordita. I bambini sono magici

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s