dance dance dance. tre scene di ballo per spiegare l’amore.

L’adolescenza. Il volo d’angelo di Dirty Dancing. Il film, ne ho già parlato , è probabilmente molto brutto ma io non lo ammetterò mai, l’ho amato troppo, l’ho visto talmente tante volte da non capirne neanche più esattamente la trama. So solo che mia cugina Eleonora ed io, messe l’una di fronte all’altra, con sottofondo di hungry eyes, anche a vent’anni di distanza riusciremmo a riballare l’intera coreografia con tanto di picchiettio sincronizzato sul petto “il mambo è il tuo cuore che batte, tu tum tu tum…”. Naturalmente io, come allora, farei sempre Johnny Castle.

Ciò che è disarmante in Dirty Dancing, ma incredibilmente vicino alla storia della mia vita, è che la nasona in realtà fa tutto lei: se la canta, se la suona, se la balla, si intrufola nella camera di lui, fa la vergine cuccia, si fa mostrare il mambo tu tum, tu tum, presta soldi, va contro il padre, smaschera la rapina di due vecchi ladri di portafogli. Lui non fa un cazzo, dall’inizio alla fine, piagnucola che è un poveraccio, balla, stop. Ma soprattutto non le dice mai ti amo!* Neanche alla fine, neanche dopo il balletto, niente. La toglie dall’angolo, la fa volteggiare e poi probabilmente scappa coi i los locos.

* Dal manuale “storia e critica del cinema rosa che mi ha rovinato la vita”: una pellicola per teenager che si rispetti si basa su tre momenti topici, ovvero il primo bacio, il primo ti amo, la prima volta. Ti amo e prima volta negli anni Ottanta andavano in quest’ordine, negli anni Novanta no, prima si trombava poi ci si amava. E poi c’è Pretty Woman che sovverte tutte le logiche perché il primo bacio segue la trombata, ma Pretty Woman ha una dispensa a parte.  

DirtyDancing[1]  

 

La giovinezza. La scena di ballo di Pulp Fiction tra Uma e Travolta* è sublime e apre la fase sentimentale “amore marcione”. E’ una sequenza perfetta, lei soprattutto è meravigliosa e tu desideri solo una cosa: assomigliarle. Essere capace di dire LA FRASE “capisci di aver trovato qualcuno davvero speciale, quando puoi chiudere quella cazzo di bocca per un momento e condividere il silenzio in santa pace”. Tu, donna che hai fatto della domanda “cosa stai pensando?”, ma soprattutto “raccontami qualcosa di bello” una vera e propria fede, rinneghi te stessa, smetti di fare sciocche richieste tipo quella di avere una normale conversazione, fai la giovane ragazza che non deve chiedere mai. Un classico del periodo amore marcione è l’uscita tra vaghi, tu vai a una festa con lui, te l’ha chiesto lui, ma assumi l’espressione di chi preferirebbe essere a fare la detartrasi, lui fa lo stesso naturalmente, tutta la sera chiacchierate con altra gente, ma non tra voi, tra voi solo silenzio, l’ha detto Uma. A pensarci oggi è per puro caso che io, da tutta quella vaghezza, sia riuscita a tirare fuori due figli.

 

* Che poi Travolta lo ammazza Bruce e, nonostante tutto, io a Bruce non porto rancore.
pulp-fiction-dance[1]

 

La maturità. La scena di ballo del Lato positivo. Io adoro il genere “piccioncini nel nido del cuculo” o anche detto “storie d’amore tra strambi”, ma qui si raggiunge il massimo: gli strambi in questione ballano pure. E sono scoordinati, con i cuori aritmici, si pestano i piedi, sudano, si aggrappano l’un l’altra tutti ammaccati. Bellissimi. E alla fine, se sei sano di mente, non puoi che immedesimarti e commuoverti, perché da innamorati siamo tutti un po’ strambi e con una voglia pazza di ballare.

 

il lato positivo

Advertisements
Standard

30 thoughts on “dance dance dance. tre scene di ballo per spiegare l’amore.

  1. Magnifica.
    Mi hai anche fatto venir voglia di guardare Il lato positivo che giace nel mio My Sky da più di un mese perché detesto cordialmente il protagonista. Applicherò sulla sua faccia quella di Ryan Gosling… e via!

  2. Dirty Dancing… Io adoro quel film: ok, non è un capolavoro per tanti motivi obiettivi, ma lo è per la colonna sonora, gli attori, la storia e le emozioni che suscita…. Semplice, leggero ed emozionante…..

  3. Eh, a parte le tue considerazioni, come non essere d’accordo sulla scelta dei film? Sono tre pietre miliari del “dillo con la piroetta”! Però scusate, non è Bradley Cooper quello del Lato positivo???

  4. Solare says:

    Spassosa come sempre !
    L’amore marcione mi sa che l’ho sperimentato pure io e l’adolescenza l’avevo finita da un pezzo ma pulp fiction e’ un capolavoro, pero’ mi sono persa a cercare di decifrare la detartrasi…sara’ che non ho un amico dentista e neanche urologo ma mi spieghi cos’e’ ?

  5. Michele Campanella says:

    Senti Enrica io mi sarò perso qualcosa, anzi più di qualcosa, ma quando parli dell’amore io non mi raccapezzo. A volte mi sembra che tu ci mandi qualche fotogramma di un film: certo si possono fare dei commenti su quel fotogramma ma non riesco ad essere sicuro di aver capito “la storia”: E invece tu hai detto “la verità, vi spiego, sull’amore.” Se vedessi Ben Hur dalla scena delle corse delle quadrighe che leggerei di quella “storia”?

      • michele campanella says:

        E che ne so! Insomma non esiste mai una sola verità ma ognuno di noi avrà la sua. Ecco tu ci racconti la tua a piccoli morsi e per me/noi non è facile capire anche se intuiamo. Forse. Ma tu che amore vorresti? Seriamente.

  6. Eufemia says:

    Sarò banale, ma te sei proprio super ….! che risate mi fai fare….! Ammiro molto la tua felicissima penna: mi raccomando… ogni giorno, pliiiiiiis !

  7. mammaquasidecorosa says:

    Fantastico, sono morta dalle risate ripensando ai miei giochi da ragazza disadattata: ho imitato sia Dirty Dancing che Pulp Fiction e nel secondo caso avevo vent’anni e fumavo da sola davanti allo specchio. Adesso mi hai fatto venir voglia di guardare Il Lato Positivo. Già mi vedo volteggiare nel salotto di casa. Scrivi davvero benissimo!!!

  8. tiziana says:

    Sarà che siamo coetanee, ma ho adorato i tre film negli stessi momenti della vita…so please save the last dance for me! 🙂

  9. Io Dirty Dancing non lo sopporto, non l’ho mai sopportato e proprio non mi ha mai detto niente XD
    Sarò atipica non so… o forse dipende dal fatto che nella vita in generale sono talmente scoordinata che non mi sono mai interessata al ballo in generale.
    Tant’è che ho amato il lato positivo.
    Ma forse, a pensarci bene, non è per il ballo ma solo per Bradley Cooper. *__*

  10. Io di Uma, ho solo la giacchetta 😦
    Cmq, hai ragione, la nasona fa tutto da lei… però cavolo, per Patrick lo avrei fatto pure io a quei tempi!!!

  11. Uma è fichissima in ogni situazione… anche nella pubblicità idiota della Scheweppes (si scriverà così?!?)… Dirty Dancing non lo ho mai sopportato… però rilancio con Fandango, Footlose e Flashdance… tre film con tre balli strani, diversi ma forse mi piacciono proprio per questo…

  12. a me che, grazie al ballo, ho conosciuto l’uomo della mia vita, e che nel ballo vede la metafora della vita, questo post commuove fino alle lacrime anche dove una bella risata ci starebbe meglio.
    sempre bello leggerti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s