Se Monsignor della Casa avesse sei anni. Ovvero il Galateo dei bambini a tavola.

 bonton

  1. La pagnotta va aperta e svuotata: la crosta è lo scarto, la mollica è a tutti gli effetti l’unica parte commestibile del pane.
  2. La buccia del mandarino deve essere tolta in un unico pezzo, come la faccia di Escher. http://www.archimagazine.com/renigmaescher.htm
  3. La stagnola che chiude lo yogurt va tolta e leccata. Eliminare lo yogurt in eccesso con il cucchiaino è da considerarsi eresia.
  4. Cercare di togliere la suddetta stagnola lasciando intatta la pellicola di yogurt che si forma sul vasetto a mo’ di tappo. Nella vita mi è successo una sola volta, la ricordo ancora come uno dei momenti più eccitanti della mia infanzia.
  5. I Ringo ovviamente vanno divisi in due e la crema va raschiata con i denti.
  6. La Girella va srotolata. Il Tegolino e i Kinder Cereali vanno sezionati. Il Buondì privato della calotta di zucchero.
  7. Le confezioni monoporzione delle merendine vanno fatte esplodere. Non c’è altro modo di aprirle.
  8. Una volta arrivati alla cialda, la punta del cono va morsa e il gelato succhiato dal buco.
  9. Il Billy si beve senza cannuccia, direttamente dal forellino.
  10. Qualora si voglia bere il succo di frutta con la cannuccia bisogna farlo succhiando rumorosamente e poi soffiando nel brick fino a gonfiarlo come fosse un palloncino. 10a. Dopo aver soffiato nel brick fino a gonfiarlo come fosse un palloncino, posare accuratamente il suddetto a terra e scaricare la meglio tallonata per un’esplosione stratosferica. Meglio se in corridoio di casa durante pennichella dei genitori.
  11. Il gelato ricoperto anche detto Pinguino, va prima svestito del cioccolato, per poi passare alla crema interna.
  12. Il tuorlo va estratto dall’uovo sodo tutto intero attraverso un’operazione di microchirurgia. Il tuorlo dell’uovo sodo non è commestibile.
  13. I Bucaneve vanno infilati nelle dita prima di essere portati alla bocca.
  14. Lo spaghetto va risucchiato, in modo che scodinzoli fuori dalle labbra sporcando di sugo gli astanti.
  15. La banana va divisa in tre parti uguali, inserendo l’indice nella sommità. (qui il tutorial che mette in dubbio la questione “altra metà della mela” https://www.youtube.com/watch?v=NoGXTXsamt4).
  16. I fagioli nella minestra non sanno nuotare e pertanto vanno pescati e portati in salvo nella parte esterna del piatto.
  17. L’acqua va versata fino all’orlo per creare una superficie convessa. Poi si beve sorseggiando direttamente dal bicchiere appoggiato sul tavolo.
  18. Se si mangia il cioccolato bisogna mostrare i denti neri come fossero cariati. Se si mangia una caramella alla menta bisogna mostrare la lingua di Hulk.
  19. Una mezza fetta di limone deve trasformarsi nel paradenti di Rocky. Meglio se ci si alza in piedi invocando “Adriana”.
  20. La carta del Panettone va raschiata con i denti.
  21. I grissini vanno infilati nel labbro superiore a mo’ di tricheco.
  22. La gabbietta del tappo dello spumante serve a fare sculture di arte moderna, che poi finiscono sempre per essere sedie.
  23. I tappi di metallo delle bottiglie servono a essere premuti sulla pelle come stampini.
  24. L’involucro delle cannucce va sparato come una cerbottana.
  25. Ovviamente il picciolo della mela va fatto girare dicendo l’alfabeto.
  26. Prima si legge la barzelletta del Cucciolone, poi si conteggiano i dieci morsi dieci, che per me sono sette, io la parte del cioccolato non la mangio.
  27. I Cri cri sono un capitolo a parte. Dei Cri cri si grattano via gli zuccherini con i denti, poi è la volta del cioccolato fino ad arrivare alla nocciola, pulita. Che è sempre, dico sempre, stantia. I Cri cri nascono stantii. I Cri cri non vengono più prodotti dall’87 e noi mangiamo ancora i fondi di magazzino?
  28. Il grissino si può usare anche come cannuccia per succhiare l’acqua con qualche goccia di vino dentro (sì, a casa mia si faceva, no, non ci sono casi di alcolismo in famiglia).
  29. Le Sottilette si mangiano ripiegandole su loro stesse.
  30. I Sofficini, è inutile, non sorridono.

Qui il link per scaricare e appendere al frigo il bellissimo disegno di Burabacio.it:  https://burabacio.files.wordpress.com/2014/09/galateo.pdf

Advertisements
Standard

96 thoughts on “Se Monsignor della Casa avesse sei anni. Ovvero il Galateo dei bambini a tavola.

  1. Sapere che faccio le stesse cose a trent[…] anni, mi consente di garantire che certe tradizioni verranno tramandate di generazione in generazione. Com’è giusto che sia!

  2. Pingback: TOP OF THE POST #5 – 29 Settembre 2014 | momfrancesca

  3. Els says:

    Ma ce l’ho tutteeeee! E faccio porcellerie ancora più porcellose, tipo fare il sonoro a risucchio quando beve mio figlio, concluso con un aaaahhhh prolungato di piacere oppure chiamarlo e aprire la bocca mentre mastico e nessuno mi vede….tutte le porcellerie che facevo coi miei fratelli. E ora mi fanno ridere ancora di più perché sono una vera signora!

  4. Pingback: Top of the post #15 – 29 settembre | Essere mamma oggi

  5. maddalena says:

    sei piemontese?io, che vivo a bologna, non ho mai trovato altri seguaci delle (io dico “delle”) cri cri. cos’altro si può trovare nella calza della befana?

  6. Pingback: Regole o pranzo selvaggio? La lotta per il nano-galateo, a tavola | Ellisteller

  7. Pingback: Share: siamo quello che condividiamo | Macchianera

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s