Kung fu mamma. I colpi letali con cui i miei figli cercano quotidianamente di diventare orfani.

kun fu mamma

Tecnica della violenza impetuosa del dominatore del cielo. Serie di colpi che sfrutta la buona fede del genitore. Egli, intenerito dall’aspetto inoffensivo del figlio, lo prende sulle spalle. È solo allora che il piccolo ninja sferra il suo attacco. Rientrano in questa antica arte tre mosse:

Il colpo letale della furia cieca. Con la vecchia scusa di voler giocare a “indovina chi sono?”, la vista del genitore è oscurata con i palmi delle manine, i pollici penetrano all’interno dei bulbi oculari, mentre il collo è stretto tra le portentose coscette del mini wrestler. Le gambe dell’avversario adulto iniziano a muoversi indipendentemente dalla sua volontà, in balia del dominatore del cielo.

Il colpo dei lobi di fiamma. Gli orecchini materni vengono usati come ganci e tiranti per rivendicare la propria supremazia e soggiogare la genitrice.

The Caesar Boys take. La presa di Cesare Ragazzi. A differenza delle altre tecniche della violenza impetuosa del dominatore del cielo essa non compromette organi vitali, ma punta allo scalpo del genitore. Mia figlia Marta è un’esperta della presa Cesare Ragazzi che ha perfezionato con l’ausilio del chupa chups. Lo zuccheroso strumento infernale viene lasciato penetrare in profondità nella chioma materna ed estratto solo quando si è raggiunto un vaporoso effetto “zucchero filato tricotico”.

Tecnica del controllo della vista periferica anche detto colpo della distruzione della base del collo. Il baby ninja, con la scusa di voler spostare l’attenzione del genitore verso un qualche punto di interesse all’orizzonte, gli fa ruotare la testa con un movimento secco, determinando la cosiddetta “frattura dell’impiccato” con la conseguente perdita delle funzioni basali.

La sacra tecnica delle sette stelle di Eunuco o anche detta colpo del cammino del rimorso. Il baby ninja, fingendo di voler abbracciare il padre incontrandolo per strada, gli colpisce gli organi genitali con la fronte, dopo aver incamerato energia durante una lunga rincorsa. È una tecnica che non uccide immediatamente l’avversario, ma gli concede il tempo di ricordare le proprie colpe di genitore, compiere sette passi, salutare la propria virilità prima di stramazzare al suolo.

Il colpo divino dell’asino ragliante. Nata come tecnica difensiva, è adottata dal baby ninja in preda a una crisi di pianto e capricci che viene bloccato alle spalle e alzato di peso dal genitore. Il colpo prevede una ripetizione di inarcamenti della schiena seguiti da una gragnuola di calci di tacco direttamente su cosce, testicoli e parti molli in genere.

Il colpo di gamba che frantuma i muscoli d’acciaio (o anche detta “la vecchia” per chi viene dai quartieri torinesi di Mirafiori Nord e Sud, Barriera di Milano, Vallette). Il baby ninja sfrutta il momento della cena per sfiorare ripetutamente con la punta del piede il lato della gamba del genitore avversario. In realtà provoca un effetto a catena capace di generare un ematoma indelebile su cosce e stinchi.

scarica le mosse assassine qui: https://burabacio.files.wordpress.com/2014/10/kungfumamma.pdf

Advertisements
Standard

33 thoughts on “Kung fu mamma. I colpi letali con cui i miei figli cercano quotidianamente di diventare orfani.

  1. Aggiungerei anche, ma solo per mamme il cui rapporto altezza madre/altezza bimbo è a loro svantaggio, la tecnica “Flashdance dal fasciatoio”. Una volta sdraiato sul fasciatoio per il consueto cambio del pannolino, il pupo s’immedesima nella reinterpretazione della famosa scena di “Flashdance” in cui Jennifer Beals corre sul posto velocissima, a piedi nudi (come nel video di “Maniac”, per intenderci meglio). La differenza consiste nel fatto che, in luogo del pavimento, la superficie su cui il pargolo scatena la forza dei suoi quadricipiti femorali è lo stomaco della madre la quale, essendo appunto svantaggiata nel rapporto altezza/altezza, non riesce ad allontanarsi a sufficienza.

  2. V says:

    Ce li ho!!

    E vorrei aggiungere:

    La variante collana usata come strozza madre;

    L’angelico lattante che sferza una testata nel collo del genitore … Possibilmente se è nella fascia o se sembrava mezzo addormentato.

    Il colpo notturno dei bimbi che stanno imparando a alzarsi e lo fanno nel sonno
    Preferibilmente atterrando di testa sullo zigomo (in un paio di notti temevo l’occhio nero)

    Un bacio!
    V

  3. LadyKaiura says:

    Suggerisco l’implementazione delle tecniche illustrate con l’arma di difesa per eccellenza: la Trasmigrazione attraverso Satomi, della Sacra Scuola di Bee Hive. Tu inizi a cantare Baby, I love you e si palesano tutti i Bee Hive che ti infondono la forza per stordire il baby ninja con note che si avvicinano ai migliori acuti di Freddie Mercury. Si scatenano i punti di pressione che generarno istantaneo sonno (oppure esplode la testa, nei casi più estremi).

  4. Els says:

    Geniale!!! È ora non resta che proporti come arbitro di lotta libera alle prossime olimpiadi. Sei sicuramente più competente di mooolto altri…

  5. Ce li ho tutti! (tranne il colpo ai testicoli, of course). Ma io ho l’aggravante di un ginocchio bionico, ho un chiodino minuscolissimo proprio lì, dove i calcetti di mia figlia colpiscono ripetutamente. C’est l’amour!

  6. melaverde says:

    senti, tu devi lasciare andare quella roba lì, davvero, ti fa male, l’unica cosa importante è chi tu decidi di essere, ora…ahahahahahahaha
    il mio mi fa scabusc! e mi fa scoppiare tutta.

  7. Pingback: Kung Fu Mamma | burabacio

  8. Pingback: Kung Fu Mamma | Burabacio

  9. Non so perché a Milano o in periferia di Torino la chiamino “la vecchia” , ma io a furia di beccarmela mi ritrovo le gambe per l’appunto come quelle di mia nonna con le vene tutte di fuori! E poi vorrei aggiungere la testata sull’angolo della montatura degli occhiali materni che si conficcano nel naso della malcapitata genitrice. Per non parlare di tutte le mosse da wrestling che ti sanno fare da dormienti quando ti allietano nel lettone!

  10. E dopo 3 mi chiedo come io sia sopravvissuta. Ah, così perchè tu lo sappia, le mosse che sviluppano alle elemntari sono davvero mortali, potenza del fisico e diabolicità della mente. Io giro attaccata ai muri 🙂

  11. Monica says:

    Ti assicuro che “la vecchia” era in voga anche nella prima cintura, per la precisione a Ciriè, prima di entrare al liceo, in prima era uno scotto da pagare tutte le mattine!

  12. Ma tipo le testate nella bocca, che loro ridono e tu sembri Rocky dopo un incontro? Che male che fanno, poi il mio è bravo a fare l’acchiappa capezzolo e la tirata estrema di capelli, che rimangono rigorosamente impigliati tra le sue dita. Poi la “tamburata” con i talloni? Ma che ce li hanno di ghisa!?!?!?!? Fanno un male cane….

  13. giordano says:

    Finalmente posso esprimere pubblicamente il mio orgoglio per il mio figlio più piccolo, chiamato Hulk dalla sorella maggiore. Il duenne in questione ha scoperto da un po’ di tempo una passione irrefrenabile per le testate: in assenza di vittime gli piace un sacco prendere a capocciate muri, porte e qualsiasi superficie che faccia rumore quando colpita. Più volte ha colpito i volti di madre e sorella provocando lividi agli zigomi e sanguinamenti di labbra, ma pochi giorni fa mi ha davvero stupito quando, adirato per il mio rifiuto a concedere l’ennesimo biscotto, ha afferrato con entrambe le mani i miei fianchi per imprimere maggior forza ad una poderosa testata alle palle. Non so ancora se le mie lacrime siano dipese più dal dolore o dalla fierezza paterna.

  14. Non dormo da una settimana causa influenza pargola minore, mi sento moribonda…e mi hai regalo 5 minuti di risate fino alle lacrime…confermo in pieno la casistica, che mio marito ha sperimentato a 360°…GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE!!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s