VANITY FAIL: la rivista che vi cambierà la vita.

-1
Nel primo numero di Vanity Fail:
I 5 modi per far impazzire un uomo a letto.
1. Avvicinati al di lui orecchio. Con aria innamorata e imbarazzata, quell’aria lì di chi ha voglia di aprire il proprio cuore, l’aria da grandi dichiarazioni definitive. Avvicinati al di lui orecchio, dicevo, e sussurragli piano: “credo di aver capito una cosa importante e credo di dovertelo dire, non pensavo mi potesse capitare più: ho capito il fuorigioco”.
2. Diventa una raffinata conoscitrice della pratica del crackering. Accogli sotto le coperte i cracker sbriciolosi, eccitanti per lui, ritardanti per lei.
3. Il bondage come soluzione estrema per non dire al tuo uomo “a cosa stai pensando?” dopo aver fatto l’amore. È sufficiente un bavaglio, volendo anche solo una bandana, al limite del nastro adesivo, un pezzetto di scotch, puoi anche lasciar perdere le cose stile 50 sfumature di grigio, forse puoi anche lasciar perdere il sesso.
4. Prendi un gel riscaldante per massaggi erotici e frizionati fortissimo i piedi. Dormire con una donna dalle estremità a temperatura ambiente pare sia una pratica molto apprezzata tra i produttori di testosterone.
5. Se vuoi offrirgli un’esperienza indimenticabile, che lo farà uscire davvero di testa, prova la pratica del kazoo: qui tutti i dettagli.https://tiasmo.wordpress.com/2013/10/28/cazu-questo-sconosciuto/
Le 10 critiche preventive al romanzo della Tesio in uscita a febbraio.
La Tesio: una Littizzetto con stesso accento del cazzo, ma con più parolacce.
La Tesio: avete presente la Tamaro? Ecco possibilmente con ancora meno sex appeal.
La Tesio: Chiara Gamberale ha dichiarato: “ci sono libri che vorresti non finissero mai… questo, purtroppo, inizia”.
La Tesio: pensavate che la letteratura fosse morta? Ecco il referto.
La Tesio: ricci così non si vedevano dai tempi di Baricco.
La Tesio: come Moccia, ma con più moccio.
La Tesio: un Gozzano delle piccole cose, ma con molto più pessimo gusto.
La Tesio: il primo bacio perugina di 300 pagine.
La Tesio: Gramellini l’ha letto in una notte. La mattina seguente ha ribattezzato la sua famosa rubrica “buongiorno un cazzo” (e poi ha lasciato Torino).
La Tesio: La Lucarelli commenta: “Se fossi nel suo ex compagno mi rimetterei con lei per il gusto di lasciarla di nuovo”.
PS. Vanity Fail è un fake (nonché l’unico Vanity per cui scriverò mai) ma il romanzo esce davvero, per Mondadori, il 17 febbraio. È fico, non ascoltate Gramellini.
La copertina è realizzata da Andrea Bozzo www.andreabozzo.it, semplicemente il più bravo di tutti.
Advertisements
Standard

52 thoughts on “VANITY FAIL: la rivista che vi cambierà la vita.

  1. chiara says:

    Aaah ecco! da quando ti ho scoperta ad ogni post penso “IMPOSSIBILE che non pubblichi un libro”. (E subito dopo anche “perché non so scrivere io così?”). Sarà mio. 🙂

  2. ElleBi says:

    ti prego, dimmi che il Tesio-romanzo uscirà anche in versione e-book, altrimenti dovro aspettare la mia prima visita in Italia per comprarlo

  3. girandolaprecaria says:

    Evviva evviva! Un romanzo di una persona che dopo ogni post mi fa pensare (e talvolta scrivete) “tiasmo tiamo”, non vedo l’ora!!

  4. Complimenti, Enrica, per davvero (io sono quella che ti ha scritto questa estate e a cui hai riservato due righe che nemmeno mi aspettavo)
    Alla faccia di chi non ha niente da dire.
    Brava. Pochissimo tempo ed un libro che certamente comprerò. Baci.

  5. ohmioddio mi commuovo ogni volta che un blogger riesce a scrivere addirittura un libro. Mannaggia in bocca al lupo! E poi sei della mia città e questo mi rende un sacco orgogliosa 🙂

  6. ANSA: Fabio Volo,alla presentazione del libro della Tesio alla Leopolda “finalmente la mia dignità , profondità e sensibilità saranno ampiamente rivalutate…”
    Seriamente:
    Sono stato uno dei tuoi primissimi lettori e fin dai primi post si intravedeva la luce.
    Sono veramente veramente contento per te.
    E per Fabio Volo.

  7. Vans says:

    Un motivo in piu per trovare interminabile l’inverno!

    Aspetto febbraio con ansia (in realtà la primavera e le giornate più lunghe, ma va beh)

    Sono veramente felice, ti pubblicizzerò in ogni dove

  8. Gloria says:

    Te lo dicevano in molti che avresti dovuto cimentarti a scrivere un libro! Brava, sono contenta tu ti dia decisa, e faró passaparola con le mie amiche😉!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s