Le 10 peggiori piaghe social dei nostri tempi – Confessioni semiserie di una spiona 2.0.

1. IL POLLICIONE. Tu sei lì, seduta sul divano con il cellulare in mano (per lui: tu sei lì, seduto sul cesso, col cellulare in mano). Non sei né triste né felice, forse un po’ annoiata, nostalgica. Controlli facebook e fai quello che mai bisognerebbe fare dal cellulare quando sei di umore annostalgico (se hanno creato il termine morbistenza io posso fondere annoiato e nostalgico come più mi garba), cedi e vai a rileggere una chat vecchissima di un amante che fu. E mentre scorri la cronologia, sorridendo di malinconia ma complimentandoti con te stessa per come per una volta hai chiuso bene, a testa alta, senza guardarti indietro ecco che accade, inavvertitamente scatta lui: IL POLLICIONE. Grande come una casa. E l’effetto è più o meno questo:
addio
2. IL CORRETTORE AUTOMATICO. Il lapsus freudiano, per scritto, raggiunge vertici di incomunicabilità inesplorati. Tu vuoi chiudere una lite con un apocalittico fanculo e invece chiosi con uno stilnovistico fanciullo, chiedi “scusa tanto” a tua suocera per un ritardo e ti esce un “suca tanto”, vuoi farti chiamare da un amico e lanci la più perentoria delle profferte sessuali (che magari in questo caso non tutti i t9 vengono per nuocere). Esempi di due conversazioni freudiane:
chiava
3. L’ERRONEA RICHIESTA DI AMICIZIA alla nuova fidanzata del tuo ex (vale una qualsivoglia antagonista reale o immaginaria). Una volta dovevi aspettare di incontrarla per caso, mentre uscivi a buttare la spazzatura in ciabatte e ciappa per capelli. Ora puoi andarla a cercare su fb e vederne gli aggiornamenti durante il proverbiale “giro di ricognizione” o anche detto periodico passaggio in rassegna dei profili caldi. Questo giro è sempre meglio farlo da un computer fisso, da cellulare infatti è facile che scatti per sbaglio la richiesta di amicizia, a cui segue un repentino annullamento e, in caso di panico, bannamento con lancio del telefono fuori dalla finestra.
4. IL PROFILO CHIUSO. Le limitazioni della privacy su facebook esistono da sempre, purtroppo l’unica che le sa usare davvero bene è lei, la nuova fidanzata del tuo ex, da ora NFTE. Ella conosce bene il fatto suo, ha persino chiuso la possibilità di vedere gli amici in comune,  la foto del profilo è un autoritratto di Frida Kahlo e l’immagine di copertina è un autoscatto di scarpe, paperine rosse, a pois. Potrebbe essere chiunque la NFTE, davvero troppo poco anche per una profiler professionista come te. Più o meno la pagina della NFTE si presenta così:
frida
5. L’ALBUM ESTATE SALENTO 2014. Peggio del profilo chiuso della NFTE c’è solo una cosa: il profilo chiuso della NFTE tranne un unico album fotografico, quello che si intitola Estate Salento ma anche Grecia o Sardegna. Dentro non ci sono foto di trulli, capitelli e nuraghe, dentro c’è lei, mezza nuda, bellissima e se ti va bene c’è pure lui, con quella faccia fessacchiotta che ti ricordi, ma più abbronzato e più felice. Il mio consiglio è: non aprire quell’album, potrebbe scapparci il like a cazzo, con conseguente non mi piace più, bannamento e lancio del cellulare fuori dalla finestra.
6. LA CHIAMATA SU SKYPE A TRADIMENTO. La dinamica è un po’ quella del pollicione, qui stai leggendo (causa umore annostalgico) una vecchia chat su Skype e ti scappa la chiamata. Chiudi tutto, stacchi il computer dalla presa di corrente, lo ficchi nel forno a microonde e lo programmi su potenza 800 W, cottura lenta. Idem per la chiamata sulla chat di fb, questo mi è successo davvero. Pensavo a lui, leggevo lui, a un certo punto ho sentito la sua voce… quando ho realizzato che non era la mia immaginazione ma l’opzione infernale chiama ora di messanger ho fatto quello che dovevo fare: cellulare nel forno e via, conoscete la procedura.
7. IL CELLULARE SAPONETTA. Tu stai facendo i soliti 100 colpi di like prima di andare a letto, in realtà sei già a letto, supina. E il cellulare ti scivola dalle mani e ti cade in faccia, spegnendosi. Ti senti scema, molto scema ad essere colpita in faccia da un telefono e vai a dormire così, con un livido nella tua coscienza analogica.
8. IL CELLULARE SHAKERATO. Stai facendo i soliti 100 colpi di like prima di dormire, sei già a letto, di fianco. E il cellulare comincia a fare quella roba stronza di cambiare direzione verticale e orizzontale e tu shakeri e non ti preoccupare se shakeri il “mi piace” all’album estate salento 2014 delle NFTE ci scappa di sicuro.
shaker
9. LA BATTERIA CHE DURA MOLTO MENO DELLA TUA CURIOSITA’. La batteria del cellulare ti mollerà sempre sul più bello. D’altronde spendiamo un sacco di soldi per l’ultimo modello di iPhone per ritornare ad avere telefoni a muro, perennemente in carica.
10. LO SPAURACCHIO DELLA FUNZIONE “SCOPRI CHI VA SUL TUO PROFILO FACEBOOK”. Vi ricordate il 69 cancelletto? Era il numero che potevi comporre per scoprire chi ti aveva chiamato per ultimo sul fisso. Fu la fine delle mie telefonate mute al ragazzino che mi piaceva, fu la fine dell’innocenza. Ecco la funzione scopri chi va sul tuo profilo facebook sarebbe peggio.
E poi ho un punto 11 bonus, un odio che coltivo solo io: la danza dei tre pallini di sospensione mentre l’altro sta scrivendo in chat. Che tu gli invii un semplice ciao e dall’altra parte inizia un’alternanza infinita di “sta scrivendo”, poi si blocca, poi “sta scrivendo”, poi si blocca e tu pensi che starà confrontandosi con fidati consiglieri per inviarti il messaggio del secolo o cercherà le parole migliori per dirti che vuole andare a vivere con te nella casa sul lago con un cane e la staccionata e una bella cassetta delle lettere con i vostri cognomi sopra. E poi finalmente la danza dei pallini finisce e ti compare: “ciao”. Dieci minuti di suspance per un ciao. ma suca. e volevo dire suca, non scusa eh!
Un grazie per tutte le segnalazioni su facebook dal gruppo di autoaiuto “povere stalker 2.0” e ad Andrea Bozzo per le illustrazioni!
Standard

97 thoughts on “Le 10 peggiori piaghe social dei nostri tempi – Confessioni semiserie di una spiona 2.0.

  1. Ahahahahah mi sono fatta (quanti punti sono? 10?) dieci sane risate, perché tanto siamo tutti sulla stessa barca, quella che ci porterà all’autodistruzione!

  2. Con sommo imbarazzo ammetto di aver segnalato a Fb gli annunci sponsorizzati dell’ex perché “questa inserzione mi dà fastidio e mi spezza il cuore”. Mi dispiace, faccio schifo, ma devo tutelarmi in qualche modo…

  3. Un messaggio che usa “esortazione” e “haiku” nel giro di nove parole, con la punteggiatura e senza fare confusione tra “un errore” maschile e “un’esortazione” femminile non è solo un esempio inventato, è un racconto di fantascienza degno del miglior Asimov dei tempi d’oro.

  4. Nico says:

    Davvero divertente!!
    Non so se sia capitato anche a voi ma a me è successo questo:
    – notte fonda, palpebra calante, cellulare in mano, vado su Facebook, sul lato destro compare il famoso campo ” Persone che potresti conoscere” e poi…il sonno e il risveglio alle prime luci dell’alba…Ed è allora che realizzo che su FB, per un gesto o un tocco a me totalmente ignoto, ho inviato 240 richieste di amicizia ( in sostanza a tutti quelli presenti nella rubrica persone che potrei conoscere) compresi macellai, lattai e, soprattutto gente che, sì è vero conosco, ma che non solo mi guarderei bene da annoverare tra gli amici ma per cui provo disprezzo, come minimo!!!

  5. Pingback: Le 10 peggiori piaghe social dei nostri tempi – Confessioni semiserie di una spiona 2.0. : AvatarNemo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s