Incontri ravvicinati con l’amore: del primo, secondo e terzo tipo.

lo straniero

Il primo tipo. Lo straniero (o la persona del destino). È quello che ti rivolta. Lo cerchi guardando all’orizzonte, ne segui le tracce negli oroscopi, nei i-Ching, nei fondi di caffè, nei testi delle canzoni di Tiziano Ferro, nei biscotti della fortuna, nelle scie degli aerei, nelle stelle cadute. Tra briciole e comete. Quando lo incontri, alla fine, non ti sembra vero, così simile a come lo sognavi. E infatti non è vero. Di solito con lo straniero finisce che gli dici “sei cambiato”, ma ad essere onesti, no, non è cambiato, solo che ora lo conosci, lo straniero in pantofole, spogliato delle aspettative, delle proiezioni, dei sogni. Se vai oltre e ti piace ancora, è l’uomo e basta, senza destino, che il destino è sopravvalutato e a pronunciarlo suona come un diminutivo.

 la comparsa

Il secondo tipo. La comparsa (o come ho fatto a non pensarci prima?). È l’uomo che sta lì, da un po’ nella tua vita, ma non lo vedi, non lo consideri. Le stelle, i-Ching, gli oroscopi, le carte, i testi delle canzoni di Tiziano Ferro ti dicono: “apri quei cazzo di occhi, lo conosci, è da qualche parte nella tua rubrica!” (a volte i-Ching e Tiziano Ferro sanno essere molto sboccati se non sai ascoltare), ma tu niente. È l’amico, il collega, il vicino di casa a cui parli dell’uomo del destino e ci ridi su. Poi accade, perché se deve accadere accade, che cerchi gli occhiali a lungo e se ne stanno tra i capelli, finalmente vedi e quello che vedi ti piace davvero per la prima volta, in modo diverso. La prospettiva è stata inventata da Giotto e secondo me è la migliore scoperta di tutti i tempi.

tizio

Il terzo tipo. Tizio (o “nemmeno fosse l’ultimo uomo al mondo”). Quando una tua amica, di fronte a un bicchiere, ti ha fatto il suo nome con aria possibilista, la classica faccia “… E Tizio? Che dici?”, ti sei quasi sentita offesa. “Io e Tizio? Ma sei scema?!”. Tizio è per te il MALE, tutto quello che non vuoi da un uomo, il fantasmino che esce dalle scarpe da ginnastica o la mutanda floscia, il romanticismo latitante o la panza abbondante. Tizio è sbagliato, Tizio non è previsto, Tizio non è nei piani. Poi capisci che quello che non è previsto è semplicemente una sorpresa. Tizio diventa il tuo Tizio e la mutanda floscia, ai piedi del tuo letto, è proprio là dove deve stare.

Ps. In quanto donna ormai attempata, ho incontrato amori primo-secondo e terzo tipo e anche tipi al primo-secondo-terzo amore. Denuncio una propensione per Tizio, nella variante: “Io e Tizio? Ma sei scema?! È gay!”. Ecco io diagnostico gayezza come dottor House il lupus. Fortunatamente per me, non è quasi mai lupus.

Le Illustrazioni meravigliose sono di Ilaria Urbinati http://inapencil.blogspot.it/, le proporrò di farne dei Tarocchi.

Advertisements
Standard

20 thoughts on “Incontri ravvicinati con l’amore: del primo, secondo e terzo tipo.

  1. Incontri ravvicinati del terzo tipo.
    Ci sarebbe anche: Ti ricordi di….? In praticala ribollita o minestra riscaldata..
    In cui tutto sembra diverso ma è identico a prima.

  2. Monica says:

    Ahhhhh, lo straniero… non sono mai riuscita a vederlo in pantofole e sarà sempre un po’ un rimpianto, ma forse è meglio così!
    Quante cose fai venire “a galla” con i tuoi post, in un modo o in un altro riesci sempre a emozionarmi!

  3. Tutte queste categorie mi si sono rivoltate contro e si sono moltiplicate in altrettante categorie del tipo che Tizio e’ stato l’uomo vaccino, quello che una volta vissuto e io sopravvissuta basta e avanza per il resto della vita; la comparsa era l’amico che un giorno guardi con occhi diversi e sara’ che era un bel guardare perche’ di una bellezza sconcertante ma si e’ trasformato in narciso o il fantasma che compare, uccide e sparisce e lo straniero, be’ con lui ci vivo da anni e per fortuna odia le pantofole, sta scalzo sempre e dovunque e anche lui che doveva essere l’avventura libera e leggera e’ diventata la vita quotidiana in capo al mondo ma dicerto non ci si annoia! Comunque Tiasmo sono sicura che se guardi meglio di categorie ne trovi tante altre, troppo belli i tuoi post sull’ammore!

  4. Per mia a moglie a leggere il post dovrei essere “lo straniero”.
    Va detto che tutta la vita ho lottato , vincendo a volte, più spesso perdendo, giocando in “la comparsa”.
    Le mie migliori amiche sono proprio quelle con cui sono rimasto…lì, nella loro vita a dispetto di tutto e di tutti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s