Di una mamma non si butta via niente (canzone per marta)

Col mio corpo puoi farci un mantello

il mio braccio come cintura

te lo slacci se il tempo è bello

te lo stringi se hai un po’ paura

 

Dieci dita se vuoi te le dono

per contare di notte gli istanti

che trascorrono tra il lampo ed il tuono

più è sereno e più sono distanti.

 

Con il rosso del mio rossetto,

ci farai una collana di baci,

troppo presto andrà in un cassetto

per far posto a labbra più audaci.

 

Coi capelli puoi farci una treccia

da gettare giù dalla torre

quando eros scocca la freccia

chiami “amore” il primo che accorre.

 

Con i nei facci mille puntini

e sospendi le tue decisioni

metti i sogni sotto ai cuscini

in attesa di giorni più buoni.

 

Quando scegli che cosa volere

ti do i denti e le unghie affilate

lotta forte finché è in tuo potere

fatti strada ad ampie bracciate.

 

Quando piangi ti do le mie ciglia

un solletico lieve di piuma

la risata è un genio in bottiglia

basta il tocco e la lacrima sfuma.

 

Prendi tutto di me, corpo e mente

e poi metti i tuoi piedi sui miei

balleremo una danza struggente

dove sono è ovunque tu sei.

11113804_10153388350101392_8273401298643733640_n.jpg

foto http://www.susanita.it

Advertisements
Standard

43 thoughts on “Di una mamma non si butta via niente (canzone per marta)

  1. ” La risata e’ un genio in bottiglia” …semplicemente geniale come te, una mamma un po’ genio dell’amore che con leggerezza e fantasia Le dona il cuore.

  2. mammanch'io says:

    evviva mamma Enrica e il suo estro creativo! Ci hai regalato qualcosa di bellissimo oggi! Io lo copio e lo conservo per dedicarlo alla mia tre-enne quando potrà leggere e capire 🙂

  3. federica says:

    Di solito ti leggo e rido a crepapelle, ma oggi mi hai brutalmente commossa.
    Bellissima, la regalerò alla mia piccola quando sarà un po’ cresciuta!

  4. wild girl says:

    mi sono commossa, perchè vorrei danzare e regalare tutta me stessa alla mia bambina che in questo momento soffre…ma non sono in grado di capire perché…

  5. No bellissima, no struggente. Materna? vorrei conoscere la madre dell’autore del commento. Secondo me può andar bene come testo di una canzone, ma dovresti dare più ritmo alternando lo schema delle rime. critica costruttiva.

  6. Ciao Enrica, buon anno nuovo. Apprezzo molto questa poesia. Di alternanze ce n’è abbastanza. Sono tutte quartine a rime alternate! Per me non c’è bisogno di rodaggio, nemmeno per un nuovo Rodari. E i decasillabi, i novenari e gli ottonari non si accapigliano, ma stanno bene come mamma e figlia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s