Ho visto uomini che dicevano “non sei tu, sono io”. E poi effettivamente avevano ragione loro.

5 cose che quando le sento mi viene da correre via fortissimo + una cosa per cui merita rimanere.

 “Non ho bisogno di qualcuno che…”.

Non ho bisogno di qualcuno che mi dica cosa fare, non ho bisogno di qualcuno che mi giudichi, che mi complichi la vita… eccetera. Quelli che sanno di cosa hanno bisogno mi sa che bluffano. Chi amiamo raramente risponde ai nostri bisogni, ma quasi sicuramente ce ne creerà di nuovi e sconosciuti. Io al momento sento un bisogno impellente di vedere un vecchio film di Fred Astaire, per esempio.

“Sono stanco”.

Io sono l’anello di congiunzione tra la bestia da soma e lo sherpa, chi mi conosce sa che stanchezza per me è sinonimo di debolezza. È un mio problema, si è acutizzato con la nascita dei bambini, chi si ferma è perduto. Lo so, sbaglio io. A un certo punto delle mie relazioni gli uomini cominciano a dire “sono stanco” a ripetizione, e sviluppano parallelamente una raffinata tecnica di smontaggio divano. Il divano a poco a poco prende la forma di una zattera alla deriva. Il cellulare come remo, la coperta come vela. Ho imparato che quando un uomo dice quel tipo di “sono stanco” in realtà vuole intendere “sono stufo”. E c’è una brutta differenza.

“Non sei tu, sono io”.

Ecco, ho visto uomini che dicevano “non sei tu, sono io”. E minchia se avevano ragione.

“Io sono buona/o e brava/o, ma se mi fanno arrabbiare…”.

Una minaccia che mi ha sempre fatto ridere. Le ragazze/i “io sono buona/o, ma se mi fanno arrabbiare (aggiungere qualsiasi calamità naturale generata dalla potenza di incazzo)” una volta cresciute/i diventano madri/padri “al mio tre vengo lì e poi vedi”. Di solito poi a quel lì non arriverebbero nemmeno con il navigatore satellitare.

“Cerco un uomo che mi faccia ridere”.

Su questo mi sa che dobbiamo essere più precise. Non intendiamo mica “Cerco un uomo che mi faccia ridere di lui”, forse è più “cerco un uomo che mi faccia sorridere (e magari arrossire) senza motivo, quando penso a quel che mi fa”. Uomini, abbiamo tanta voglia di dedicarvi una ruga di espressione – nelle linee delle mani si legge il futuro, nelle linee del viso si disegna il presente -, fate in modo che non sia per un’alzata di sopracciglio.

 

Oggi che è Capodanno forse cosa cerco io lo so: qualcuno che mi baci quando non guardo, bambini che mi chiedano la mano anche se non ci sono strade da attraversare, un amico che mi dica qualcosa di sé che non so. Un amico che mi dica qualcosa di me che non so. E sto.

10425094_10152924600831392_5507907471149107988_n.jpg

Foto di Valentina Fontanella: http://www.susanita.it

Standard

15 thoughts on “Ho visto uomini che dicevano “non sei tu, sono io”. E poi effettivamente avevano ragione loro.

  1. Mi piace mi piace mi piace. ☺
    E la ruga d’espressione che voglio da lui è quella di una risata fatta insieme. O di un sorriso di tenerezza.
    Che sia un felice 2016, piccola grande Enrica! 😀

  2. Io ho sposato un uomo che è un incrocio fra la bestia da soma e lo sherpa. E se per certe cose e’ utile ( ieri, primo gennaio 2016, abbiamo pulito tutti i lampadari , oggi, alle 8’30 del mattino, il frigo 😜) certe volte, sta iperattività mi stufa. Perché non si gode niente.

  3. ninI181 says:

    “Al mio tre vengo lì e vedi” sono proprio io…a volte lo modifico in “conto fino a uno e poi vedi”, per rimarcare il concetto che sono proprio arrabbiata, ma quanto hai ragione tu!! 🙂

  4. Non sei tu sono io è talmente un classico ormai – l’equivalente sentimentale di “Venezia è bella ma non ci vivrei” – che secondo me non c’è più nessuno che lo usa davvero. Spero.

  5. di recente ho raggiunto una saturazione da “non sei tu, sono io” da modificarla aggiungendo un “facciamo che è stacxxx, così siamo contenti tutti!”
    scusa la scurrilità, ma a volte mi scappa.

  6. infatti ad agosto, quando l’ho abbandonato al suo destino, gli ho detto che non era lui, ma non ero nemmeno io, era tutto il circo Barnum della sua complicatissima famiglia.
    ora mi sento mi sento molto meglio 🙂

  7. ila says:

    Ho tutte le tipologie sulla pelle,ormai ridotta buccia….e posso aggiungerne un’altra: ” non e’colpa di nessuno, siamo in fasi della vita molto diverse. E ciaone”

  8. Giuliana says:

    Molto sfruttato anche il “Non ti merito” con espressione contrita alla Julio Iglesias quando canta ad occhi chiusi “Pensame…., con il cuerpo e con la mente” ahahah!

  9. LALLA says:

    io ho la bambina che mi tiene la mano spesso e anche che mi si infila sotto l’ascella per un abbraccio…..vorrei avere anche qualcuno che mi doni una ruga d’espressione dovuta al sorriso, pero’…tanto…

  10. “Un amico che mi dica qualcosa di me che non so”
    Forse a volte è meglio di no.

    Comunque MDM (Mia Dolce Metà) dice spesso che mi ha spostato perché “la facevo ridere”. Spero non ridesse DI me, ma CON me.

    La foto è molto bella, sei tu?
    La foto sarebbe stata addirittura migliore senza il sacchetto blu. SU questo credo possiamo essere tutti d’accordo.

    Ciao

    K!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s