Sesso for dummies

Nell’estate dei miei dieci anni, in montagna, i miei cugini trovarono un giornaletto porno nella casa abbandonata dove giocavamo a nascondino. Come accadeva quando rinvenivamo la carcassa di un rospo o di un piccolo animale nel bosco, il giornale restava sul pavimento e nessuno osava toccarlo, qualcuno gli diede un colpetto con il piede, un altro girò una pagina con un ramoscello. Stavamo tutti lì, finché il più temerario lo prese da un angolo della pagina con due dita e si mise a correre dietro alle bambine terrorizzandole e ridendo. Curiosità mista a schifo e una strana euforia è così che ricordo quell’iniziazione, con mio cugino che teneva tra le dita fotografie di pornoattori iperdotati, mostri biblici mezzi uomini mezzi treppiede.

La maggior parte delle persone che conosco si è fatta un’idea del sesso col porno, che è di fatto una complicazione affari semplici. I corpi sono fatti per unirsi, basta metterli uno di fronte all’altro: le braccia si piegano all’altezza del gomito perché le mani arrivino ai seni, al petto, per essere romantici al cuore. Diversamente avremmo le giunture al contrario come i cammelli, molto utili per farsi il selfie al culo, ma poco per l’accoppiamento. Ma sto divagando. Le nostre braccia e gambe divaricate creano una X e cosa sta al centro della X? La cosa più preziosa. Pure i bambini che giocano a caccia al tesoro lo sanno.

Gli analfabeti partono dalla X, dalla croce, per firmare e poi imparano a scrivere. Bisognerebbe partire da lì, dall’anatomia facilitata, roba di sesso for dummies.  Certo va meglio agli opossum che hanno la doppia vagina e il doppio pene, giusto per raddoppiare le possibilità di incastro. O al maiale che quando tromba si avvita letteralmente nella femmina, tipo un cavatappi, che io il cavatappi a casa non lo trovo mai e tra l’altro a questo punto mi sorge il dubbio che la codina a turacciolo dei simpatici porcellini rosa non sia la codina.

Poi c’è la bocca che, oltre a servire per fare tutte le cose che sappiamo, dovrebbe avere la funzione di chiarire cosa ci piace e cosa no che è il migliore lavoro orale in assoluto. Per esempio, in fatto di stranezze da porno, andrebbe detto una volta per tutte che il ritmo pneumatico del fotti fotti fotti non fa impazzire le donne, l’unica che a sbatterla così impazzisce è la maionese.

Ripassare le basi ogni tanto è bene, sapendo che quando si fa l’amore con una nuova persona è sempre un po’ come la prima volta. Si dice “mi ha iniziato al sesso” e si intende la perdita della verginità, ma andare a letto con qualcuno, andarci bene, è sempre un iniziarsi, si riparte da zero, in un rito misterioso come tutte le cerimonie. La sacralità di quel rito c’ho messo un po’ a capirla, è anche per quello che non rimpiango la mia giovinezza e le prime iniziazioni.

La giovinezza con quella strana euforia mista a schifo e curiosità non la rivorrei indietro nemmeno se il pacco me lo portasse Dylan McKay in persona in moto e se, togliendosi il casco, ammiccasse con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così che abbiamo noi giovani alcolizzati già a dodici anni di Beverly Hills.

perche-gli-animali-hanno-la-coda.jpg

Standard

11 thoughts on “Sesso for dummies

  1. Ti seguo da mesi e ammetto di non aver mai lasciato un commento; anche questa sera, per l’ennesima volta, ho sorriso nel leggere il tuo racconto. La parte del “fotti fotti fotti”…vince su tutto. Grazie ed alla prossima! Gianluca

  2. Anche noi trovammo i giornalini porno presso alcune case in costruzione e mai terminate.
    Una specie di Wikipedia del sesso per alcuni ragazzi di 16 anni che ancora non conoscevano l’esistenza del corpo femminile.

  3. Io sono “cresciuto” con qualche giornaletto trovato per caso e una manciata di filmetti, e alla fine credo di essermela cavata tutto sommato…
    Mi chiedo come faranno i ragazzi della generazione YouPorn, con tutta la mole di condizionamenti irrealistici con cui sono bombardati 😦

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s