Bambino anni Ottanta vs Bambino Moderno.

Il cinema.

Oggi. Esce il nuovo film della Disney e le mamme della chat si scatenano: “è adatto al mio bimbo di otto anni? No, perché Paolo è tanto sensibile, piange ogni volta che muoiono i pidocchi della pubblicità anti-pediculosi”.

Ieri. Il bambino anni Ottanta ha visto sprofondare il cavallo di Atreiu nelle paludi della tristezza. E ho detto tutto.

Oggi. Prima del film i genitori comprano pop corn e bevande varie e si dotano dell’alzatina per far godere il film al figlio. Nel caso l’alzatina non sia sufficiente decapitano gli astanti.

Ieri. Non mi è chiarissimo perché ma al cinema si entrava più o meno sempre a film iniziato e poi si aspettava lo spettacolo successivo per vederne l’inizio. Ci si sedeva sul cappotto di papà arrotolato sotto le chiappe con le chiavi di casa nella tasca che ti si conficcavano in una coscia.

Le minacce.

Ieri. “Marco conto fino a tre e poi vedi. Marco 1, Marco 2, Marco 3. Aggiudicato a Marco una scarica di legnate!”.

Oggi. “Marco conto fino a 3 e poi vediamo se 4 5 o 6 sono ancora lì dove immaginavamo che non si sa mai, ‘sti numeri burloni fanno certi scherzi…”.

Il medico.

Ieri. C’era il pediatra. Il mio fumava il sigaro mentre mi visitava, non scherzo. Il pediatra anni Ottanta aveva un solo grande nemico: l’acetone. L’acetone era diffuso e ne soffrivano molti bambini che alle dieci di mattina in classe vomitavano. Sul vomito delle 10 della mia compagna Rosalia pare ci regolassero il Big Ben.

Oggi. C’è wikipediatria! Perché rivolgerti a un medico quando hai le bufale di internet a disposizione?

Lo sport.

Ieri. Io ero cicciottella da piccola, l’idea di attività di mia madre fu andare a scuola e dire alle maestre di non darmi la pagnotta a mensa. Non aveva niente contro lo sport a patto che non si sudasse, il sudore era il male: “guai se ti asciughi il sudore addosso” o peggio “guai se ti si ghiaccia il sudore”, me lo ripeteva estate e inverno. Comunque lo sport per l’infanzia era roba da snob. Danza per le bambine, judo per i maschi. Nuoto se avevi la lordosi o la scoliosi. Grazie al cielo la mia schiena era dritta, tra la scoliosi e il rischio di farmi asciugare addosso il sudore mia madre avrebbe comunque preferito farmi mettere il busto.

Oggi. Il bambino moderno di attività sportive ne fa almeno tre, più che altro perché i genitori si sentano giustificati a scrivere lettere aperte sui compiti impossibili da finire se fai almeno tre attività pomeridiane e sei un bambino moderno.

La festa.

Ieri. I compleanni del bambino anni Ottanta erano in famiglia: si sospendeva la criogenesi alla bisnonna che presenziava al soffio delle candeline (usate), si scattava la foto seppiata vestiti con la salopette (in caso di compleanno di maschio) o la gonna scozzese (in caso di compleanno femminile) e via.

Oggi. I compleanni del bambino moderno partono dal Prediciottesimo (mese) con l’animazione dell’Aquafan a ferragosto.

Oggi. Alla materna fanno i pigiama party. Ai miei tempi non c’era quest’abitudine e meno male, io con i pigiama che mi faceva mettere mia madre avrei scatenato episodi di bullismo fino all’università.

La verità pedagogica.

Oggi. “Ai bambini bisogna spiegare le cose guardandoli negli occhi, dicendo loro sempre la verità”.

Ieri: “amore i Bambini in Africa muoiono di fame perché tu non hai mangiato le tue verdure”.

Gli integratori.

Oggi. Gocce di fluoro, vitamine a b c d, eleuterococco e uncaria, propoli, oscillococcinum…

Ieri. Lo zabajone al Marsala di nonno che fa crescere (alcolizzati) e, naturalmente, l’olio di palma. Ci siamo fatti fuori Palm Beach sotto forma di tegolini, crostatine, soldini, baiocchi e nutellame vario. Ah… io mangiavo la gommapane, che comunque era più buona dei buondì. Dei buondì vecchia ricetta era commestibile solo la calotta crostosa, il resto serviva a lucidare l’argenteria di nonna.

Non si può scordare poi la santissima trinità della salute rappresentata da: Olio di Fegato di Merluzzo, Vicks Vaporub e Mercurocromo. Un’infanzia a pois rossi alla Pimpa profumando come boschi di conifere.

Consapevolezza genitoriale.

Oggi. “Oddio sono un genitore imperfetto, forse non sono all’altezza di questo compito, sto facendo solo danni?”.

Ieri.    Cosa ho fatto per meritare un figlio così stronzo? È tardi per scambiarlo con quello dei vicini?

I nonni.

Oggi. I genitori che lasciano i figli ai nonni pretendono che seguano corsi di aggiornamento a tema canzoncine, giochi montessoriani, tecniche di spinta dell’altalena.

Ieri. Mia nonna Luisa usava me e mia cugina Eleonora per pulire la casa. “Oggi giochiamo alle Signore?” diceva e noi giù a spolverare, asciugar piatti, lucidare l’argenteria con i buondì.

La festa a scuola.   

Ieri. Per le feste le nonne si sbizzarrivano e preparavano dolci di ogni sorta da portare in classe. I dolci erano dolci, con burro, farina, uova, cioccolato, zucchero. Se contenevano mele valevano come frutta, naturalmente.

Oggi. Se la nonna fa un dolce per la scuola deve prima ospitare il RIS di Parma nella cucina e vedersi portare via la torta dentro il cellophan come una Laura Palmer qualunque.

Musica.

Oggi. Mozart da quando il piccolo è in pancia, perché la musica è fondamentale per l’equilibrio psicofisico.

Ieri. “E venne l’angelo della morte che prese il macellaio che uccise il toro (e poi c’era anche un bastone che picchiò il cane che morse il gatto, per non farsi mancare niente)”. Giusto per tenersi allegri.

15175368_10211532583614519_1148463405_n.png.jpeg

 

 

Advertisements
Standard

300 thoughts on “Bambino anni Ottanta vs Bambino Moderno.

  1. FM says:

    Grandiosa!…con la chicca con il cavallo Atreiu che soccombe hai toccato il trauma mai superato della nostra generazione, primo anche a quello dei primi genitori divorziati!

  2. Francesca says:

    Fantastica! Come dimenticare “i bambini che muoiono di fame in Africa”…. ai quali avresti volentieri regalato il tuo piatto di verdure….
    E Atreiu. … ora il film preferito di mio figlio!!

  3. Io, bambina degli anni ’60, affetta da acetone e tonsille infiammate, i miei genitori non mi fecero mai operare (l’intervento avveniva a crudo senza anestesia) il pediatra che diceva:”portatela al mare”, ho visto per la prima volta il mare a 11 anni. Mai mangiata Nutella nè bevuto coca-cola fino al 2° compleanno di mia figlia, mai posseduta una Barbie e giocato Monopoli. Come tutti i bambini odiavo verdure e minestre e sono stata traumatizzata dal Biafra (che non esiste più). Bei ricordi…ma anche no….

  4. Samuele says:

    Mio babbo anni 80 faceva giocare a me e mio fratello all’autolavaggio… e se ci andava di culo lavavamo sia la sua macchina che quella di mia mamma. Altro che Signore 😀 … grazie per questo post geniale!

  5. OMMIODDIOOO sto ancora ridendo! Grazie per questo esilarante tuffo nel passato. Mia nonna, per lavarmi il “visetto” usava le spugne…ma quelle grandi, sintetiche che grattavano la pelle!! L’ effetto mela rossa era garantito! Alla faccia dello scrub!! 😂😂

  6. TMan says:

    Al bambino di oggi viene insegnato che il sesso non esiste e che un “diritto del gatto riprodursi con una mucca”.
    Alle bambine di oggi gli insegnano a mettersi il burka che sennò il compagno Ahmed si offende. E a togliere il crocifisso. Che è razzista.
    Il bambino di oggi gli vengono insegnati concetti dove difendere la nazione e la propria identità è da razzisti. Mentre quelli che si fan saltare in TV son dei “poveri depressi”. “E’ COLPA TUA BAMBINO se quelli fanno la guerra santa”.
    Il bambino di oggi arrivato all’adolescenza si suicida.

  7. Il capitolo de “La festa.” è quello in cui mi riconosco maggiormente. Sia negli anni ’80, che oggi da papà! 😀
    Articolo molto divertente!

  8. No vabbè! verissimo ahahaha 😀
    E quando ti menavano dopo che erano andati a parlare con gli insegnanti? ora sono gli insgnanti che sono menati dai genitori!
    Oppure quando cadevi e ti sbucciavi le ginocchia? due erano i casi: o mamma ci sputava sù e tutto passava oppure ci metteva il CICATRENE, quella polverina che praticamente faceva una patina che dopo mezz’ora avevi la crosta dura come un ciambellone lasciato in forno e tutte le volte che cercavi di muoverti, si riapriva la crosta e rischiavi di morire dissanguato, e mamma aridaglie con il cicatrene… poteva durare settimane! ahahahaha
    Che ricordi! 🙂

  9. Cristian says:

    Articolo fantastico! Mi ritrovo in tutto!!! Io mangiavo il dentifricio alla fragola di paperino 😂😂😂 classe 82…

  10. Meraviglio, tutto…tutto…tutto verissimo!!! Ma non vorrei ricordarvi (ricordarci) che i bambini anni 80 sono la maggioranza dei genitori di oggi! 🙂

  11. Paolo says:

    Oltre alla morte di Artax, ricordo il trauma insanabile per la morte della scarpa disciolta nella salamoia in “Chi Ha Incastrato Roger Rabbit?”

  12. Roberto says:

    Il cavallo di Atreyu non faceva tutto questo effetto se eri cresciuto consumando la VHS di Watership Down/La Collina Dei Conigli.

    Bellissimo film d’animazione, ma in retrospettiva visto a cinque/sei anni era di una brutalità quasi traumatica.

    • Roberto hai dato una risposta ad un quesito oramai dimenticato ma insinuato da quasi 30 anni. Alle elementari ci hanno fatto vedere un film di cui io ero rimasta traumatizzata, per 2 giorni avevo le immagini di quei conigli sanguinanti squarciati… Finalmente ho dato un nome ai miei incubi di bambina!!!! hahahaahah

  13. Pingback: Noi che… Gli anni ’80 | ilblogdelbasilico

  14. il ragazzo con il trolley says:

    ma magari fosse stato il cavallo di Atreu. io lo vidi al cinema con la scuola, all’età di sei anni…… e la cosa più terrificante fu Gmork,
    la pantera/lupo che sbucava dalle tenebre (snariciando più di Lapo in tutta la sua carriera), detto anche il servo del potere che si nasconde dietro il “nulla” …

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s