Le fighe dei video indie. 

Del mio odio per Amélie ho fatto un cavallo di battaglia. Ma i tempi cambiano e anche La Favolosa è andata in pensione, sostituita nell’immaginario del rancore femminile da quella che chiamerò La figa indie (da qui la LFI). LFI è la ragazza pazzerella sexy che fa cose pazzerelle sexy nei video dei cantanti indie. I cantanti indie pare che non possano fare senza questi video dove una telecamera segue una pazzerella sexy che fa cose pazzerelle sexy, in interni o in giro per una città a caso. Mi sono documentata, la filmografia è interminabile… parlo di Oroscopo di Calcutta, La musica non c’è di Coez, Manzareck di Canova, Quella te di Gazzelle per dirne quattro a caso.

La LFI ha lo smalto sbeccato, si mangia le unghie in segno di tormento interiore, però è topa al naturale, come se si fosse appena alzata e infatti ce la fanno vedere mentre si sveglia: ella dà cuscinate, trascina il tizio che la filma per la mano, ridà una cuscinata alla camera, fa linguacce, mangia, fuma, mangia, fuma, va al supermercato a comprare da mangiare, mangia, fuma e beve in mutande come Barney dei Simpson (che alito ha una che mangia e beve così di prima mattina?), ma soprattutto la LFI deve pisciare. È molto importante che la LFI a un certo punto stia seduta sulla tazza con gli slip a mezzo polpaccio. La minzione LFI è un topos dei video indie.

27497174_10215882087793561_241518811_n.png

Schermata 2018-01-30 alle 01.08.11.png

Anche nel video di Orgasmo sempre Calcutta una LFI di livello superior si infila nella doccia e ci puoi scommettere che sotto l’acqua la farà. La LFI è basica: mangia, beve, sta al cesso, fuma senza soluzione di continuità. E a un certo punto fa il broncio, si offende perché quel birbante dietro la telecamera le ha fatto un dispetto, probabilmente le ha nascosto il crack o le Pringles, però sappiamo che alla fine gliela darà ugualmente, stiamo assistendo ai preliminari di un porno amatoriale.

Se noi mangiassimo e bevessimo a quei livelli saremmo duecento chili di brufoli; se indossassimo collarino e pellicciotto sembreremmo un carlino col caschetto; se ci mettessimo il cappuccio come la LFI di Calcutta sembreremmo ET nella scena del volo delle bici o Marty Feldman in Frankenstein Junior. Esse sono in debito con tutti i nostri errori di look degli ultimi vent’anni. Tutto quello che abbiamo buttato via dal nostro guardaroba lo hanno preso queste quattro pulciare: bomber, felpe Adidas, girocolli, mutande bianche CK, anfibi, jeans a vita alta, giubbini di jeans con collo di pelo bianco. Però noi ora siamo in debito con loro perché ci hanno messo di fronte al nostro errore più grande, abbiamo sbagliato tutto, anni in cui ci siamo chiuse al cesso cercando di centrare la maiolica con un getto al silenziatore e rubinetti aperti, quando bastava sedurli con lo scroscio delle cascate del Niagara.

Io ve lo dico amiche, non rifatelo a casa, se ci prodigassimo in tutte quelle mossette rischieremmo il TSO, povere disadattate, fraciche e buzzicone che non siamo altro. Almeno Amélie mangiava composta, cazzo.

Illustrazione: Letizia Rubegni.27498128_10215891751235141_369515422_n.jpg

 

Advertisements
Standard

33 thoughts on “Le fighe dei video indie. 

  1. Sappi che ho fatto una pausa al primo paragrafo, quando hai nominato Gazelle e la mia mente si è messa a pogare su Try Everything di Shakira. Maledetta Disney. Ho bisogno di andare a sentire un CD a caso dei Marlene Kuntz.

  2. Renato says:

    Mi hai toccato Amélie! io a quel tempo ero un maschio che si credeva ancora giovane e la adoravo (o forse adoravo più il regista).
    Andrò a cercarmi il post in cui la fai a fettine; sappi comunque che con questa tua ti ho retrocessa a Barbanera, quello che fa i riassuntazzzi brutti brutti di Guerre Stellari & C

  3. anna says:

    ecco, intanto grazie, credevo di essere l’unica ad odiare amelie!! esiste un post in cui la massacri?delle fighe indie non so niente ma hai reso cosi’ bene l’idea che basta anche cosi’!

  4. Carla P. says:

    Grazie al cielo non conosco nulla di tutto ciò! Manco uno dei video citati.
    (Sarò troppo vecchia forse..). E comunque, rock tutta la vita! (Non è che c’è una versione LFR vero???)

  5. Ginevra Tumiati says:

    Dove posso trovare gli scritti su Amélie?
    😀

    Ginevra Laura Tumiati
    PR & Events
    ___________________________________
    LANDOLL MILANO
    Sede legale: Landoll S.R.L. – Viale Bianca Maria, 41 – 20122 Milano (MI) – ITALY – P.I. 00195480199
    Sede amministrativa e operativa: Landoll S.R.L. – Via Soncino, 15 – 26010 Ricengo (CR) – ITALY – P.I. 00195480199
    T.: +39.0373.267.757 – F.: +39.0373.267.973
    e-mail to: ginevra.tumiati@landoll.it
    http://www.landoll.it
    http://www.nashiargan.it

  6. Michele says:

    ahhahah, concordo in pieno nella descrizione!
    Però, per molti di noi, secondo me il vero punto è che siamo di fronte a una distorsione spaziotemporale di tipo generazionale, ovverosia semi40enni presi bene da musica per 20enni che per forza di cose si nutre di disagio adolescenziale.
    cioè, ma chi è che ce lo fa fare? perché ascoltiamo sta musica? siamo così fessi da cascare negli stessi schemi musicali creati per addomesticare eserciti di pischelli alla ricerca di antidivi da idolatrare?
    che poi non ci fa neanche troppo bene. a noi uomini più vicini all’anzianità che al liceo perché sembriamo subito dei pervertitipedofili quando sbaviamo di fronte alle LFI. a voi donne perché vi scatena un’invidia plus presa di coscienza che non potrete (per fortuna) mai più essere come le 20enni sigaalcolsigaalcol con sguardo che in 10 minuti vira tra incuriosito/ammiccante/malizioso/imbronciato.
    cioè dai sono quattro accordi con un po’ di abbellimento elettronico. salviamoci!

    p.s. io i video citati li conosco tutti e 4 e li canticchio a memoria: sto nella merda piena!

  7. Vengo poco in italia ultimamente ma devo ammettere che riuscire a dare alla gente della merda alla venditti facendogliela passare come “Indie” è un’operazione talmente sfrontata e grottesca che quasi quasi vorrei averla pensata io

  8. Robbi says:

    Dimenticato un dettaglio: sono desiderate dall’uomo indie medio come fossero entità inarrivabili.
    Comunque tvb un sacco!

  9. Mirko says:

    Ho 49 anni, una figlia di 5 che se ascolta Rovazzi Gabbani e Baby K si mette a ballare. Poi è tutto saltare sul tubo fino a inanellare pure questa musica qua. Il problema è che mi piace pure. Io che a 20 anni ascoltavo I Japan, I Roxy Music, Gli Heaven 17… aituo. Sono grave? I video non ci avevo mai fatto caso che fossero tutti uguali.

  10. Marta says:

    Io ce l’ ho il carlino. Anche lui è una dannata FI.
    Ma in quanto a pazzerella sregolatezza le batte tutte queste cosce lungheseccheFI.
    Perché piscia sì, ma lo fa ovunque, anche in casa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s