Galateo della chat porno.

La questione delle chat spinte tra amanti bisognerebbe studiarla, a livello universitario dico, proprio dal punto di vista socio-linguistico. La possibilità di mandarsi messaggi infoiati in tempo reale è recente, non c’è ancora un’etichetta, un galateo, non c’è una letteratura né una cinematografia, domina l’improvvisazione. Non si tratta di semplice testo, si possono aggiungere foto e video… in pratica ogni chat è un percorso multidisciplinare, una tesina da cinque crediti. Intendiamoci, qualche scambio caldo lo mandava anche il Nokia, ma ai tempi non ce lo potevamo permettere un orgasmo via messaggio, finiva subito il credito, noi avevamo gli squillini, al massimo potevi dirgli “squillami quando sei venuto”, ma perdeva di mordente. Eravamo poveri, conveniva ancora farlo dal vivo. Recentemente ho scoperto che scrivere robe zozze si chiama sexting e, a mio avviso, ci sono cose nel sexting che mi mandano in crisi o che proprio trovo inaccettabili.

La parola mutande. Io ho un problema tutto mio che riguarda una scena precisa di Fantozzi contro tutti. Si è fatta sera, Fantozzi resta solo a guardare in tv Oroscopone super porno show, c’è una procace signorina che fa lo spogliarello e lui si avvicina allo schermo e tocca la sua immagine. Poi però involontariamente, col ginocchio sul telecomando, cambia canale, in quel momento arriva Pina e lo trova spiaccicato contro la tele ad ansimare “togliti le mutande, togliti le mutande” a un prete che sta facendo le orazioni della sera. Niente a me “mutande” fa subito Fantozzi e lingua fuori. Non va meglio con mutandine, troppo edulcorato, c’ho comunque quarant’anni, i fiocchetti e le farfalline sono volate via da un po’. Forse slip, ecco slip mi sembra funzioni.

Ognuno ha le proprie fissazioni linguistiche.

 

Figa o fica. Qualche tempo fa ho scritto un post sulla fenomenologia della figa dei video indie. Il regista del video indie, interpellato da un giornalista a commentare il mio pezzo, si è molto risentito perché ho usato figa e non fica. Anche Moretti si esprime in tal proposito. Ho capito che il punto g si trova tra fi e a, quindi non si sa se esiste o no. Al nord è punto g al sud punto c. Fica fa più maleducato. I toscani la aspirano e fanno prima, a loro piace la ’ola ’ola con la ’annuccia ’orta ’orta e la fi’a, però alla fine anche così fa troppo pezzo comico di Panariello. E a me non è che Panariello concili il sesso. Io voto la legge per cui ogni regione abbia una figa-fica-fi’a a statuto speciale, con buona pace del regista indie e di Nanni Moretti.

Cosa vuoi farmi? Non deve essere la vivisezione di una voglia, non è come chattare con un anatomopatologo di CSI. Eviterei frasi tipo “ti scoperei fino a provocarti segni petecchiali”.

La scrittura predittiva ci vuole alcolizzati. Scopare verrà sempre corretto con scolare, conviene tenerlo presente.

Evitare il fraseggio alla Leosini. Le verghe turgide, i baldanzosi bollori non sono ben accetti.

Bandite l’ahahahahaha. Che cazzo è l’ahahahahaha, la risata registrata del drive-in? Non puoi scrivere una cosa spinta e poi smorzare la tensione con l’ahahahah.

Le emoji. La sfilza di emoji stile geroglifici egiziani va forse bene per eccitare Tutankhamon, nessuno trova sexy i rebus, i rebus solo se ti vuoi scopare la Susy dei Quesiti della Settimana enigmistica. Onestamente se mi mandano questa lingua, mi viene in mente solo un cunnilingus con la Pimpa, che tra l’altro non ho mai capito se sia un cane maschio o femmina.

Schermata 2018-03-16 alle 19.26.23.png

Boccio anche il naso da maiale per dire che state dicendo porcate, anche perché è ambiguo, potrebbe sembrare una doppia presa anal-vaginale, crea confusione.

Schermata 2018-03-16 alle 19.26.32.png

Il cazzo è il cazzo. Il pisello è quello di mio figlio, dei bambini.

Le foto. Sulle foto bisognerebbe scrivere un post specifico, mi limiterò a dire che non conviene esagerare con filtri e luci stile Barbara d’Urso, altrimenti bisogna aggiungere la dicitura “L’immagine ha il solo scopo di presentare il prodotto” come sui Saccottini del Mulino Bianco. Per il resto divertitevi e soprattutto fate seguire i fatti alle parole. Buona scolata a tutti.

Illustrazione di Letizia Rubegni.29249382_10216311306723766_7970846366593187840_n.jpg

 

 

 

 

Advertisements
Standard

17 thoughts on “Galateo della chat porno.

  1. Una volta uno mi mandò l’emoticon con la mascherina in faccia. Dal contesto capii chiaramente che intendeva un morso bondage, ma il mio cervello registrò un “sono infettivo” e non ci fu verso di convincerlo. Finita lì.

  2. Marta says:

    Una volta un ragazzo per dimostrare la veridicità della sua baldanzosa eccitazione, mi mandò a tradimento la fato della sua verga in oltraggioso turgore…
    Non ero pronta all immagine e quindi me so ammazzata dalle risate.

  3. colomba66 says:

    … e intanto Enrica Tesio non sbaglia un post. Come commento non molto osé, ma scomodante un Luca Carboni ormai démodé. Non per me.

  4. Paola says:

    Enrica, ma secondo te c’é un uomo li fuori che ci aspetta o con due bimbi e un carattere indipendente-benché-affettuoso c’é poco da sperare?

  5. Hai ragione ma credo anche che (fortunatamente) non tutti/e siamo uguali e quindi anche la vastità ma anche il tatto o rispetto con cui si trattano questi temi varia da persona a persona.
    Da tempo credo che sarebbero da sdoganare temi che risultano per i più tabù, pudici e non pubici… e di cui apparentemente ci si vergogna per poi cedere in solitaria alla ricerca di quanto stimoli endorfine e cellule celebrali ad animare i vari ormoni (siano essi maschili o femminili) sino al punto di cedere o di cedersi e quindi andare alla ricerca di un sano e puro orgasmo!
    Nulla di male, credo, in chat erotiche o in una forma pur sempre educata e cosciente, di erotismo condiviso vuoi anche solo per dare una variante al classico fai da te… Essere in compagnia, trovare la giusta complicità o semplicemente stuzzicarsi a vicenda anche solo per dare una forma diversa a quanto si vive in maniera solitaria… e che male c’è! Magari! Certo non è facile fidarsi, ancor meno riuscire a creare la fiducia reciproca e quel feeling di intenti e risultati da voler sperimentare e provare ma chissà… io, non mi vergogno a parlare e non credo che ci sia nulla di male a farlo… rispetto chi la pensa in maniera diversa (apparentemente tutti/e) e lascio aperto lo spiraglio a chi vuole parlarne! Basta scrivermi! Comunque complimenti per l’articolo!! lieto e felice di leggerti e seguirti! 🙂

      • Io più che delle chat del dialogo e del confronto cosciente fra persone che rispettandosi la pensano alla stessa maniera o riescono a mettersi a nudo prima con il cervello che con il corpo perché se è pur vero che il piacere fisico è tale, tutto riesce a partire prima dalla mente e non ha nulla a che fare con la volgarità o altro…. lieto tu abbia capito il mio commento e come detto a disposizione per parlare!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s