Non mi fate incazzare.

A casa dico un numero incredibile di volte “non fatemi incazzare”.

Lo dico da incazzata naturalmente, quindi in realtà è una minaccia inutile. Non fatemi incazzare, mi state facendo incazzare, sono in procinto di incazzarmi, je suis en train de…

Con Lorenzo mi arrabbio perché quest’anno ha avuto il cellulare ed è successo quello che era immaginabile: vivrebbe sul cellulare. Gliel’ho dato perché ce l’hanno tutti, vuoi che tuo figlio non sia come gli altri? No, voglio che sia come gli altri. Però la tua presunzione ti porta a pensare che possa essere come gli altri, ma anche l’eccezione, che sia come gli altri, ok, ma anche sorprendente. Ma perché dovrebbe essere un’eccezione? In virtù di cosa? In virtù di niente e infatti non lo è. Ho figli che come gli altri hanno imparato a camminare, leggere, scrivere e far di conto e anche a sviluppare velocemente dipendenze da un aggeggio che soggioga noi per primi. Senza eccezioni e unicità. Quindi mi incazzo, e non credo di essere un’eccezione nemmeno in questo, mi incazzo soprattutto con me stessa, perché ho ceduto, come cedono tutti. E se tu che leggi sei un’eccezione, ma beato te, beato.

La materia cedevole di cui sono fatte le nostre buone intenzioni mi pesa. Ci vuole una concentrazione per amare, una pratica costante dell’attenzione, sapendo però che troppa concentrazione soffoca e che troppa distrazione trascura. Qualche giorno fa scrivevo per lavoro, ero davanti al computer e sentivo un suono fastidioso, una specie di rumore bianco, come quando ti addormenti davanti alla tv e continui a sentire Mastrota blaterale di qualche congegno per la cervicale ma tu vuoi solo continuare con i tuoi sogni in pace. Solo che mentre scrivevo mi sono accorta che il rumore bianco era Marta che mi parlava. E allora mi incazzo di fastidio e poi mi incazzo con me stessa per essermi infastidita. La mia visione periferica mi tradisce sempre più spesso.

La questione della concentrazione si è fatta più forte con l’ultima arrivata, perché cresce veloce, esponenzialmente rispetto a Marta e Lorenzo. La sua crescita è spietata. Deve essere una contrazione temporale alla Interstellar. Se fossi più concentrata il tempo rallenterebbe, mi dico a volte, se la guardassi di più vedrei i millimetri di capelli crescere e non questo time lapse costante, questa corsa in discesa senza freni, eccitante e paurosa insieme. L’unica cosa per cui non cresce è la questione pannolino, che non abbiamo ancora eliminato, così mi ritrovo ogni giorno a farle bidet improvvisati in lavandini pubblici, con il favoloso effetto french merdicure sulle unghie. Bello questo colore! è smalto Chanel? Sì sì, Chanel, Caccà-Chanel.

È che ho tutto, davvero, compreso il terrore di non essere abbastanza.

Standard

Se sei incerto tieni aperto

Fuggire sì ma dove? Nell’abitudine quando è tradita, quando ti porta un pomeriggio libero inatteso. Nel gusto di non darsi peso. Nel dovere che diventa facciamo poi, facciamo che il mondo può anche senza di noi. Fuggire nei capelli tra le dita. Nell’abbraccio casuale in corridoio, nelle notti di pace dove russa il vicino e il senso di colpa tace, fuggire dove se sbagli non sei sbagliata, perché sbagliamo tutti, la vita stessa è una scelta azzardata, un tentativo, tra l’altro non si capisce mai se è riuscito, nemmeno a posteriori, quando il tempo è finito.

Fuggire nelle pieghe dei divani, come bimbi nascosti dietro le mani, dove non arrivano le scadenze, non prendono le rivendicazioni, dove non c’è servizio per gli inutili pudori, dove non c’è una tacca per l’insensato, dove non c’è connessione per niente che non sia sussurrato. Fuggire in cima ai tuoi pensieri, dove c’è ossigeno e una bella vista, dove fanno eco le tue frasi buffe da saggio-poeta-filosofo-motociclista, come “se sei incerto, tieni aperto” che ripeti quando bisogna andare: se indietro non si torna, ti resta solo l’accelerare.

Fuggire nello sguardo dei vecchi, quelli che gli anni sono volati, quelli che a parlare gli occhi si fanno lucidi perché i ricordi vanno lucidati. Fuggire nel sedile del passeggero e fuori gli zombie, il tornado, stavolta è finita davvero. Ti ho scelto perché nel caso sapresti cosa fare: correre figli in spalla, colpire per non essere colpito, accogliere, curare.

Fuggire alla ricerca della pazienza, che se non si è all’altezza, se si ferisce, non è per cattiveria ma per incompetenza. Fuggire portando i semi e l’annaffiatoio, un maglione che faccia da nido e mai da prigione, portando tutto quello che siamo, il buono, il bello, il resto lo vendiamo, fuggire, fuggire, come una forsennata e, fuggendo, portare a casa la giornata. Fuggire per potersi trovare, fuggire perché è il solo modo che conosco per restare.

Standard

Cercatori e costruttori.

Se ascolto la canzone tu senti quella chitarra, il basso che entra in un determinato modo, la raffinatezza della scrittura, oppure la banalità dell’arrangiamento, che assomiglia a questo o a quello, se ascolti la canzone ne canti il testo se lo sai, come fosse un tributo al pezzo stesso. Se ascolto la canzone io ascolto il passato, dov’ero quando l’ho sentita per la prima volta, ascolto il tempo che passa, oppure creo un precedente per puntellare questo momento in cui siamo in macchina insieme e so che mi sarà utile per dire un giorno, allora, proprio quel pomeriggio, con questa colonna sonora, eravamo felici. Se ascolto una canzone io ascolto chi ero e chi sarò. Così se guardo un film o se osservo un panorama, che per te è spazio per pascolare i pensieri, far correre gli occhi, per rintracciare quella montagna o orientarti nel mondo. Per me il panorama è per forza abitato, è una scenografia. Tu guardi la costellazione io la caduta di un desiderio.

Ho sempre pensato troppo a quello che non stava succedendo (perché era già successo, perché non sarebbe successo mai). Lascio così tanto spazio all’altrove, non mi sembra ci sia mai stata alternativa.

È che ci sono i cercatori e i costruttori. I primi vengono al mondo e sentono di aver perso qualcosa, sentono di essere incompleti, non sanno bene cosa manchi, né perché, ma quello che fanno è cercare, a volte con lo struggimento dei malati che hanno dimenticato tutto, anche il motivo della loro tristezza. E poi ci sono i costruttori, i costruttori nascono interi, non cercano, creano, affermano, hanno una presa più salda sulla vita. Cercatori e costruttori, la differenza tra il trovarsi e il realizzarsi, anche se l’obiettivo è sempre lo stesso, forse, una vita soddisfacente. Io sono una cercatrice, tu un costruttore, mia madre era una cercatrice, mio padre un costruttore. Io sono una cercatrice e quello che costruisci tu (e qui sta la buona notizia) è quello che mi manca.

Standard

Ricordi di scuola estemporanei raccolti il primo ottobre 2022.

Una volta un mio compagno delle elementari ha scritto merda con la merda, cioè ha usato la sua stessa merda per scrivere merda, un meta murales sopra la turca. Ho visto cose turche credo che sia un detto nato da lì. Si chiamava Francesco.

Avevamo l’obbligo del grembiule e il mio era sempre o troppo piccolo o troppo grande, come la bicicletta. Mai avuto una bici della misura corretta. L’unico periodo in cui il grembiule era della taglia giusta probabilmente cadeva in estate, l’unico periodo in cui la bicicletta era della taglia giusta cadeva in inverno.

Non si giudicavano le maestre, non ti erano antipatiche o simpatiche, erano come le mamme, potevi litigarci, potevi andarci poco d’accordo ma non le mettevi mica in discussione.

I quaderni quando finivano ti sentivi orgoglioso. Lo volevi far sapere a tutti che avevi finito il quaderno e ne potevi iniziare un altro, la prima pagina del nuovo quaderno era una festa.

Ogni tanto saltavi le pagine per errore e allora le dovevi incollare, la colla si metteva sui quattro lati e a croce, non c’era altro modo.

I capelli lunghi si incastravano nelle viti dello schienale delle sedie, ne restavano ciocche intere lì attaccate. Quando sentivi tirare ogni volta ti giravi incavolata verso il compagno dietro, perché pensavi fosse lui a tirare.

C’erano dondolatori espertissimi che alla dondolata avanti e indietro preferivano i 360° su una sola zampa della sedia. Le maestre iniziavano la loro campagna antidondolamento in prima per non smetterla fino alla quinta elementare.

Ci veniva anche detto di mettere la testa sul banco e di dormire, come i cavalli.

Si facevano i cartelloni, i cartelloni partivano bene e finivano male, con le lettere tutte schiacciate perché ti mancava lo spazio. Era uno strazio per me guardarli lì appesi, tutti stortignaccoli, non vedevo l’ora che cambiasse argomento e si ricominciasse con un cartellone nuovo.

Avevamo un ominide in meno, l’ergaster, mai sentito l’ergaster fino a quando non è andato a scuola Lorenzo.

Non c’erano gli amici del dieci. Il dieci non aveva amici ai miei tempi, il dieci era uno stronzo solitario.

La nostra bidella, perché si diceva bidella, era dolce, si chiamava Mariuccia e ci dava le carezze sulla testa, ieri ho fatto il conto, Mariuccia non è sicuramente più dei nostri. Speriamo che tutte quelle teste sfiorate ogni tanto la pensino.

I banchi cambiavano spesso posizione, a ferro di cavallo, a isola, a file di due o tre banchi. Come se la collocazione nello spazio potesse migliorare la nostra resa, feng shui elementare. Se rivolgiamo Francesco a nord magari non farà più i murales di merda… doveva essere questa la speranza.

La frase che ripetevamo di più era Lo dico alla maestra. Qualcuno ti faceva incazzare e tu “lo dico alla maestra”. I migliori erano i “ce lo dico alla maestra”. Qualsiasi cosa la dicevi alla maestra e tutti noi ignoravamo quanto alla maestra non fregasse un cazzo di quello che dovevamo dirle. E così è era e sarà, nei secoli dei secoli.

Standard

Pensavo fosse tristezza e invece era settembre.

A settembre non dormo, è la prassi. Anzi no, peggio, dormo e poi mi sveglio, alle tre nel sottosopra e nel mio sottosopra c’è la tristezza, ci sono solo scadenze, bollette, c’è pure da votare, c’è la paura di non esserci, di non arrivare, di non farcela, di non sorridere abbastanza, poi ci sono errori di ogni tipo, potevo, dovevo a lettere cubitali, una scritta “sei in ritardo” al neon, ci sono incomprensioni e lunghi discorsi che mi passano davanti nel buio come in un gobbo dei conduttori in tv e li recito a mente, lunghi monologhi per chi credo mi abbia mancato di rispetto o lunghe scuse che non chiederò mai. Visualizzo disgrazie così disgraziate che devo scuotere forte la testa per cancellare le tracce dello scempio mentale. Ci sono le storie che vorrei scrivere ma sono troppo grandi, perché non le ho vissute e quindi scelgo storie più piccole perché mi sembra meno presuntuoso. Questo lo conosco, lo posso raccontare, non sto rubando il dolore o la felicità di un altro, non sto barando, è roba mia, può piacere o meno, ma è roba mia. Come il sottosopra.

Nel sottosopra ci sono i demoni, i diavoli. Diavolo è greco, diaballo, separare, dividere e in effetti l’inferno arriva quando tutto dentro va in frantumi. E quando tutto è frantumato e disarmonico alla fine hai bisogno di uno schieramento, di qualcosa che ti tenga insieme, che ti dica forse non sarai buono, ma sei giusto. Ma gli schieramenti non hanno mai ragione se non tengono conto delle singole persone. Se la battaglia non ce l’hai dentro non fai la guerra fuori, se sei in pace non hai bisogno di nemici. L’inferno è vivere nella contraddizione e una piccola forma di contraddizione la viviamo tutti. Insegnare ai nostri figli cose che noi non abbiamo la minima intenzione di fare, tipo fare attenzione o staccare. Staccaaaaa urliamo ai ragazzini al computer e noi non riusciamo a staccare, mai, neanche di notte, da orizzontali, a fare capriole, tra il su e il giù. La contraddizione di invocare la rivoluzione senza sapere cosa rivoluzionare.

Allora vengo da te, da te che non dormi mai e ti dico che sono triste e tu mi dici che va tutto bene. Arrenditi. Pensa a quanto ti sentiresti stupida a ritornare con la mente a stanotte, se le cose si mettessero improvvisamente male. Perché le cose purtroppo hanno la tendenza a peggiorare, è fisica, non è pessimismo, andiamo verso il disordine non il contrario, a prescindere dai programmi e dalle previsioni e dalle intenzioni. Ecco io non me lo potrei perdonare di essermi lamentato quando invece ero solo fortunato. E hai ragione. Sei la trottola d’argento da far girare sul tavolo, le bollicine d’aria da seguire per tornare in superficie. Mi sdraio di nuovo, la tristezza è come una bambina capricciosa, a volte bisognerebbe solo abbracciarla, asciugarle le lacrime e darle la buonanotte. Quel poco di notte che resta ancora da dormire.

Standard

Quarantaquattro martedì.

Ho avuto la fortuna di trascorrere l’estate con tanti amici e tanti figli di amici. L’intera tribù dei figli ha imparato a tuffarsi di testa, si sono guardati, emulati, incitati, presi in giro. Mi perseguita l’idea di quanto abbiano perso in questi anni, separati e segregati, quando le cose più importanti i bambini le imparano gli uni dagli altri. La tribù dei figli ha il terrore di annoiarsi, la noia è la grande nemica dell’infanzia, la tribù dei grandi invece la brama, sogna il vuoto totale in cui non c’è talmente niente da fare che il da fare te lo devi inventare. Dateci la vostra noia e vi alzeremo il mondo, vorremmo dire, ma non è vero, potendo non rialzeremo manco il culo figurati il mondo.

Il mare mi suggerisce classificazioni. Ci sono i neonati, splendidi vampiri sberluccichini, li vedi in spiaggia, tutti incremati, con i loro corpi perfetti che ti fan venir voglia di fare altri corpi perfetti. E poi ci sono i neogenitori, degli ottusi zombie che finiscono per litigare e mangiarsi il cervello a vicenda. Madri e padri ingobbiti che fanno molti più gesti del necessario, completamente rincitrulliti e rallentati dalla carenza di sonno. Vampiri e zombie, poi passa. Non è l’unica suddivisione che ho teorizzato, anche le bambine possono distinguersi in due tipi che a confronto Jung puppa: quelle che fanno la ruota e quelle che no. Io, manco a dirlo, ero una quella che no. Invidiavo l’eccezionale facilità a volteggiare di quelle che sì, mentre a me usciva un saltello pesante da orango. Non che mi mancasse la fantasia del volo, ma mi ci è sempre voluta una buona dose di realtà per sognare, una buona dose di terra terra. Marta è una bambina che non sa fare la ruota, ma che non si vergogna a provarci, ne sono molto orgogliosa.

Poi c’è l’amore. Del passato ricordo grandi abbuffate e grandi digiuni, a differenza della taglia del mio corpo che è la stessa da quando ho diciassette anni, il cuore si è allargato e stretto tante volte. Ora è della dimensione giusta. Ho la sensazione di essere entrata nella fase del mantenimento, dicono che sia la più difficile nelle diete, chissà nei sentimenti.

Forse credevo di essere senza pace e invece ero solo acerba. Quando sei giovane ti puoi concedere il lusso dell’insoddisfazione, perché pensi ci sia tempo. E invece non è così perché la vita è come una vacanza, quando ti ci ritrovi un po’, hai preso i ritmi, sei a tuo agio, è già ora di andare.

Penso a mia madre che, se è da qualche parte, è proprio al mare. Aveva un rapporto unico con il sole, lo ricercava, gli si esponeva e poi, la sera, faceva la prova nella piega del braccio, quella che si crea vicino al gomito, la sua era sempre molto più nera della mia. Il culto del sole non era estetico, non c’entrava con l’abbronzatura, è che meritava di essere una donna di Hopper, seduta sul letto con le gambe piegate, la luce ovunque nella stanza, lo sguardo triste all’orizzonte. Cercava il sole perché la sua anima era acerba o forse solo irrimediabilmente giovane.

Standard

Si salvi chi può.

Di fronte all’ennesimo fatto di cronaca c’è sempre qualcuno che commenta “ma cosa succede alle persone, stanno tutte impazzendo”. Ecco, io mi stupisco che la gente non impazzisca di più. Talvolta l’esperienza del vivere mi sembra così terrorizzante che mi aspetterei di vedere ogni giorno qualcuno correre per strada urlando: “Si salvi chi può!”, “Da cosa?”, “Da tutto!”. Dalla retorica e dall’antiretorica, da chi pensa che giudizio critico significhi criticare, dalla serietà, dalla superficialità, dalla malattia, dai sani.

Si salvi chi può dalla rabbia, dai soldi, dalla povertà. Si salvi chi può dal troppo, dal poco e dal medio, dal neutro, dal niente di che. Nessuno vuole arrivare a pensare in punto di morte “mi sa che l’ho scampata!”, “Che cosa hai scampato?”, “La vita”. Si salvi chi può dal benessere, che crea malesseri sempre nuovi, nuove malattie autoimmuni. Una malattia autoimmune è una disfunzione che induce l’organismo ad attaccare i propri tessuti, in pratica è autosabotaggio, lo stesso che riguarda le relazioni anche quando sembrano funzionare, è che non ci lasciamo mai stare.

Dall’infelicità, che è diversa dalla tristezza, la tristezza crea anticorpi per ricondurti alla guarigione, l’infelicità è appiccicosa, endemica e a volte culturale, forse posturale. Da dove vengo io è considerata elegante, mentre la gioia è scomposta e vagamente cialtrona. Si salvi chi può dal perché a me? Dal perché non a me? Si salvi chi può da questi tempi neri, sempre che ne siano esistiti di altri colori, abbiamo riabilitato il Medioevo per non sentirci troppo in colpa nel riviverlo daccapo. Si salvi chi può dall’invidia provata e da quella subita, dai vecchi rancori, da quelli che, tipo il lievito madre, ogni giorno rinnovi, dalla smania di avere ragione, dal non saper gestire le emozioni, dal gestirle con fermezza militare, dal baratro, dal disastro, dal mostro. Dalla vecchiaia, che non va quasi mai come dovrebbe e bello sarebbe tenersi il meglio per la fine, come l’ultimo boccone del piatto preferito, come il bambino che mangia il dolce e ha ancora voglia di leccarsi il dito.

Si salvi chi può dalla solitudine e dalla contraddizione, si salvi chi può da chi non sa fare e allora fa la morale. Si salvi chi può dall’assenza d’amore o dalle forme deteriori dell’amore, per cui bisognerebbe trovare parole diverse. Se è troppo, se è tossico, se è a senso unico, se fa male, non è amore. L’amore ripara, ripara le crepe, le ossa rotte e ripara anche nell’altro senso, dal brutto, dal pericolo, dalla minaccia dell’orrore. L’amore non è il sole, è l’ombra da cui godersi il sole, non brucia, non scotta, non tramonta e, a differenza di noi, non muore.

Standard

Sopravvissute.

Usavamo il Cristal soleil. Il cristal soleil era un mix d’olio, benzene, acqua e parabeni. Parabene… con quel nome lì come potevamo immaginare che facesse male? Lo stronzio sì, viene per nuocere, ma il parabene come può essere dannoso? Subdolene ecco un nome corretto… questo prodotto è pieno di subdolene, mh io non mi fiderei. Questa crema è fatta col criptomerdene. Allora no, non la compro. Ma parabene, quello è buono per forza. Barbablu è un nome da cattivo, Babbo Natale da buono, cioè non ti aspetti di certo che mangi i bambini trascinandoli dentro i camini come IT negli scarichi d’acqua durante i temporali. E invece no i parabeni sono cattivi. Ora lo sappiamo.

A noi un po’ di benzene piaceva, c’eravamo abituati, d’altronde al mare tornavamo a casa coi costumi pieni di catrame, era considerato normale, nuotavamo come cormorani inzuppati di petrolio nel Golfo Persico, negli anni Ottanta per farci uscire dall’acqua non c’erano le nostre madri con gli accappatoi, a riva c’erano i volontari del WWF.

Ogni tanto capita che una mia coetanea si lamenti con me: “guarda i miei capelli hanno le doppie punte!”, ma per dove siamo cresciute ringrazia che non abbiano gli occhi e le spire!

La depilazione dall’estetista non era consentita prima di una certa età, perché secondo mia madre i peli a toglierli si incattivivano. Ogni volta che mi avvicinavo con una pinzetta a un pelo potevo sentirlo con la voce di Clint Eastwood “è meglio che prendi nota: io sono cattivo, incazzato e stanco. Sono uno che mangia filo spinato, piscia napalm e riesce a mettere una palla in culo ad una pulce a 200 metri, per cui va’ a rompere il cazzo a qualcun altro e levati dalle scatole”. Miii ma stai calmo.

Non so perché a toglierli quelli si incazzavano di brutto ma a schiarirli invece si prendevano bene, fatto sta che schiarire era consentito, così schiarivo tutto, baffi e gambe. Usavo la crema al plutonio Oxy. Non lo sapevo ma stavo inventando lo shatush ai polpacci, le mie compagne di classe avevano i peli che ricrescevano io avevo la ricrescita ai peli. Invece prima di andare di lametta nella zona bikini ti conveniva consultare il libretto delle vaccinazioni, perché la lametta in questione era come minimo di terza mano… ci si era fatto la barba papà, ci si era fatta le ascelle la sorella più grande e la nonna c’aveva dato una scorciata alla moquette in salotto. Se per caso usciva una goccia di sangue il migliore disinfettante era il profumo di nonno. Il profumo del nonno era come la coppa del nonno, uno solo per tutti i nonni: il pino silvestre. La confezione a forma di pigna tradiva la vera funzione di quel miscuglio che era evidentemente impregnante per legno.

Standard

Il disconoscitore.

Guardo la mia bambina di due anni che cammina con la pancia avanti, sembra Beetlejuice e infatti è uno spiritello, con la canotta macchiata, così soddisfatta dei suoi rutti, dei suoi sbadigli, è tutta nel suo corpo che è insieme anima, odora di frutta matura, di sottobosco, di selvatico lavato dal temporale e asciugato dal vento. Sarò sempre sua madre, penso. Ci sono ruoli per cui il prefisso ex non vale. Ex figlia per esempio… sarai figlia fino all’ultimo giorno, figlia anche dopo la morte di chi ti ha messo al mondo. Per certi legami non c’è prescrizione mai, oltre il tempo e i fatti della vita. Non si può essere nemmeno una ex madre o padre, né un ex alcolista dicono, se sei alcolista lo sei e basta, puoi solo scegliere di non praticare più. Un ex assassino? Suona scorretto anche questo. Anche di alcune malattie non si può essere ex.

E nelle relazioni? Forse sei ex di qualcuno solo fino a quando pensi che quel qualcuno ti determini nel bene o nel male, ti definisca. Per me è sempre complesso il rapporto con chi è stato e non è più, per questo uso di rado quelle due lettere, non riesco a essere del tutto ex nemmeno di me stessa, della studentessa, della cameriera, della ragazza, della bambina, è tutto ancora lì, da qualche parte. Ugualmente fatico ad accettare che in giro ci siano persone con cui in passato abbiamo condiviso di tutto e oggi non sappiamo nemmeno bene se e come salutarle, incrociandole per strada. Ti guardi con quella vaghezza di sorriso da demenza senile. E tu sei vicina a un’amica che coglie l’imbarazzo e ti chiede: “ma lo conosci?”. L’ho conosciuto, ma poi non l’ho conosciuto più… una formula che in italiano non ha molto senso, me ne rendo conto. Ho conosciuto quella persona che era, quella che è oggi mi risulta del tutto nuova.

Bisognerebbe inventarsi la disconoscenza di amici, amanti, fidanzati. C’è un iter per sbattezzarsi, è sufficiente mandare una mail alla parrocchia di riferimento. Fa ridere, sembra la dissoluzione di un incantesimo via fax. Ma allo stesso modo dovrebbe esistere anche un modulo di disconoscimento, così uno saprebbe, tra le altre cose, come comportarsi in caso di improvviso incontro (non sai mai bene se l’altro non ti abbia vista, non ti abbia inquadrata perché sei invecchiata di merda o ti abbia tolto il saluto per antichi rancori).

La dichiarazione di disconoscimento direbbe: Io … disconosco il/la signor/a… in quanto ne ho frequentata una versione desueta e precedente, inoltre è plausibile che la persona in questione fosse una proiezione della mia mente. Chiedo inoltre che il disconoscimento sia comunicato all’altra parte in causa e, qualora non ci fossero obiezioni, il disconoscimento reciproco sia esecutivo.

Poi arriva la lettera di avvenuta disconoscenza e via, non ci si conosce più, per strada nessuna faccia sfuggente da gatto che fa la pipì, nessuna ambiguità.

Se esistessero le pratiche di disconoscimento sono certa che ne avrei ricevute tante e inviate poche e comunque, se per strada non saluto, è perché sono sovrappensiero, troppo occupata a seguire gli spiritelli che ci saranno sempre e a farmi seguire dagli spiriti che non ci sono più. O forse non vi saluto, bisogna considerarla come possibilità, perché siete invecchiati di merda.

Standard

La carta dei diritti del difettoso.

Quelli che dicono: il mio difetto più grande? sono troppo buono o buona. Ma vaffanculo va, possibile che l’unica piena di robe indicibili sia io? Troppo buona?! Ma cosa sei una Danette? Ma ti pare un difetto? Oppure, peggio ancora: sono troppo sensibile, la gente ne approfitta. Intanto prendi Pinocchio, il re dei babbi che si fa fottere da gatti volpi puttane e ballerine è ingenuo, egoista, sprovveduto… e infatti per tutto il tempo mentre leggi le sue vicende pensi: “madonna Pinocchio sei troppo un coglione” e non “povero Pinocchio sei troppo buono e sensibile”.

I Danette-troppo-buoni sono spesso facili alle passioni e alle delusioni. Come sui social dove si passa da fantastico-genio-ti lovvo a da te non me lo aspettavo-buuu-buonavita in un amen. Quando mi presentano qualcuno con la frase “è una persona meravigliosa” tra me e me penso esattamente lo stesso di quando mi mettono in guardia dal taluno o dal talaltro a colpi di “è una persona orribile” e cioè: “Guarda meglio”. L’innamoramento ci fa pensare che l’altro sia fantastico come il rancore ci fa pensare è uno stronzo, questo perché l’amore e l’odio, mi si consenta il tecnicismo, smarmellano.

A guardarci meglio non siamo fantastici e non siamo orribili (dico in media naturalmente e rimanendo nella sfera del non patologico) siamo umani, quindi complessi, con momenti e momenti, con pregi e difetti reali, tipo che siamo invidiosi, iracondi, oppure pavidi, egoisti e tutte queste caratteristiche entrano in relazione con altre caratteristiche e creano legami, instabili o stabilissimi quando tempo e frequentazione li cementificano. Il tempo non è certezza di continuità comunque, anche i legami più duraturi si possono spezzare, come i tubi pieni di calcare o i materiali che, poco duttili, non reggono agli urti.

Così ho stilato la carta dei diritti del difettoso, ad uso e consumo dei non troppo buoni:

Mi avvalgo del mio diritto di starti sul culo. E che tu stia sul culo a me. Senza motivo, senza doverci dire “se ci conoscessimo, magari, potremmo cambiare idea”. Mi sembra bellissimo non darsi questa possibilità, restare sull’A pelle e sulle palle. Mi avvalgo del mio diritto di non voler approfondire la tua opinione, di darti modo di aver ragione. Mi avvalgo del mio diritto al superficiale ma di fermarmi qui, non di inventarmi motivi di rancore, perché questo facciamo spesso e volentieri, riscriviamo la storia in modo da uscirne vincitori, offesi, noi sempre i buoni.

Mi avvalgo del mio diritto di non essere una persona fantastica, favolosa, super, ma una persona comune, di vento sole e aridità, in moto come le dune. Mi avvalgo del diritto di diffidare dagli innamoramenti repentini, fugaci, delle cotte estive, dallo spreco di parole, dai colpi di fulmine e dalle folgorazioni, che comunque di entrambi al meglio ti bruci alla peggio ci muori. Mi avvalgo del diritto di rimanerci male e di non volermi confrontare. Mi avvalgo del diritto di non litigare, che non mi riesce a costruire l’amore sulle macerie del giorno prima, affermando e disdicendo ad ogni alba la fiducia e la stima.

Mi avvalgo del mio diritto di non dirmi delusa, io “mi hai deluso” non l’ho detto mai perché fa male più a me che a all’altro, come gli schiaffoni che ci davano certi genitori. Più al mio orgoglio che alla tua coscienza che dorme sugli allori. Mi avvalgo del mio diritto di avere difetti di ogni foggia e misura e che il mio hobby preferito sia fare brutta figura. Mi avvalgo del diritto di amare i difettosi, che il cuore non mi si scioglie per l’adorazione ma per la tenerezza struggente che scatena solo e soltanto l’imperfezione.

Standard